lucia triolo: volli te

Volli te
come si vuole
il mal di testa
per un ospite molesto.

Volli te
come si vuole
il veleno per i topi.

Volli te
come si vuole
la buccia di banana
per lo scippatore
o uno sgambetto d’autore.

Volli te
come in graduatoria
si vuol che si ritiri
chi ci sta davanti.

E poi volli te
come si vuole,
dopo la battaglia,
la bandiera garrire
sulla punta
della lancia

Ma tu,
tu volevi solo
essere baciato.
E io
non avrei fatto male
ad una mosca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...