NOSTALGIA, di Miriam Maria Santucci

NOSTALGIA 🍂

Sono tornata a sedermi sulla siepe
dietro il muro della vecchia fonte.
L’acqua non sgorga più da lungo tempo
e i rovi s’intrecciano e fanno capanna.
Io ci sto sotto rannicchiata a pensare…
L’acqua sgorgava,
quando venivo qui,
e i rovi erano più radi,
e tu c’eri ancora.
Ora non esisti più
ed io sono tornata a sedermi sulla siepe.
Qui, dove annullavo ogni immagine,
sono venuta a cercarti…
Ma i rovi s’intrecciano intorno a me
e graffiano le mie carni,
e l’acqua non sgorga più,
da lungo tempo…

#MiriamMariaSantucci

#oltreiconfinidelcieloedelmare
#leimprontedellavita
#poesiaitaliana
#librettoillustrato
#ebook

LA MEMORIA DEL CUORE, di Miriam Maria Santucci

#Alzheimer
LA MEMORIA DEL CUORE ❤️🙏

Cammini sul viale lentamente,
lo sguardo vuoto, pieno di stupore.
Ricordi il suo nome ed il suo volto
e la voce che parlava dolcemente,
ma non ricordi altro e non trovi
colui che accanto ti restava sempre.
Non sai chi sei… Non sai più ricordare…
Stringi forte il guinzaglio del tuo cane
ed esso con amore t’accompagna,
si ferma e s’accuccia sulla terra
dove ora riposa il suo padrone…
Riaffiora un ricordo flebilmente
e scivola pian piano dentro il cuore…
Sfiori con le tue mani quella croce
poi t’inginocchi e t’appresti a pregare,
ma rimani in silenzio a mani giunte
perché hai scordato tutte le parole.
T’aggrappi a quel guinzaglio nuovamente…
Appoggi la tua testa sul tuo cane
con un misto di dolcezza e di dolore.
Unico filo che ancora ti consente
di risvegliare la memoria del cuore…

#MiriamMariaSantucci

#leimprontedellavita
#oltreiconfinidelcieloedelmare

LA MEMORIA DEL CUORE, di Miriam Maria Santucci


#Alzheimer


LA MEMORIA DEL CUORE 

Cammini sul viale lentamente,
lo sguardo vuoto, pieno di stupore.
Ricordi il suo nome ed il suo volto
e la voce che parlava dolcemente,
ma non ricordi altro e non trovi
colui che accanto ti restava sempre.
Non sai chi sei… Non sai più ricordare…
Stringi forte il guinzaglio del tuo cane
ed esso con amore t’accompagna,
si ferma e s’accuccia sulla terra
dove ora riposa il suo padrone…
Riaffiora un ricordo flebilmente
e scivola pian piano dentro il cuore…
Sfiori con le tue mani quella croce
poi t’inginocchi e t’appresti a pregare,
ma rimani in silenzio a mani giunte
perché hai scordato tutte le parole.
T’aggrappi a quel guinzaglio nuovamente…
Appoggi la tua testa sul tuo cane
con un misto di dolcezza e di dolore.
Unico filo che ancora ti consente
di risvegliare la memoria del cuore…

#MiriamMariaSantucci

RISORGI, di Miriam Maria Santucci

💔Dovrebbe essere “Pasqua del Signore” ogni giorno, perché non c’è un solo istante che non ci sia bisogno della Sua Resurrezione! 💔

RISORGI

Risorgi, Cristo, risorgi nei bambini
che hanno per braccia rametti secchi,
mani che non sanno accarezzare
e piedi che non calzeranno mai scarpe.
Risorgi, Cristo, risorgi nei giovani
irrequieti, ribelli e sprezzanti del pericolo,
che non hanno ancora appreso
quanto è sacra la vita.
Risorgi, Cristo, risorgi negli anziani
con i volti solcati dalle pene
e gli sguardi malati di solitudine.
Risorgi, Cristo, risorgi nei loro figli
che lottano e non possono accudirli
e in quelli che non li vogliono accudire.
Risorgi, Cristo, nella mia anima che sanguina,
stracciata dalle brutture del mondo,
che non sa più credere e sperare. Risorgi!

#MiriamMariaSantucci

#cuoriakabul
#MondoAllaDeriva

foto propria

NAUFRAGIO, di Miriam Maria Santucci

NAUFRAGIO

Un barcone traboccante di speranze
e bimbi stretti al petto con amore.
Pigiati come sogni nel cassetto,
guidati da mercanti senza cuore.

All’improvviso urla di terrore:
il barcone sprofonda negli abissi.
Mani agitate invano tra le onde,
ignorate da ignobili scafisti.

Ognuno invoca il nome del suo Dio
e a Lui affida l’ultimo momento.
Trovano ormai solamente oblio
e un rifugio lassù, nel firmamento…

#MiriamMariaSantucci

#oltreiconfinidelcieloedelmare
#lalucedeipensieri
#poesiaitaliana

Mostra meno

24 AGOSTO, di Miriam Maria Santucci

Per non dimenticare ❤️

24 AGOSTO

Sono tornati dai campi i contadini

ed il bestiame riposa nelle stalle,

in strada giochi allegri di bambini

e in cielo già miriadi di stelle.

Il sogno aleggia lieve su ogni viso,

intorno tutto tace, è notte fonda.

Un tremore di terra e all’improvviso

in un istante tutto si trasforma!

Montagne spaventose di detriti.

Grida intorno a quel poco che resta.

Sogni stritolati mai vissuti.

Boati orrendi, come demoni in festa!

(2016)

#MiriamMariaSantucci

#oltreiconfinidelcieloedelmare

#oltrelorizzonte

#terremoto2016

Amatrice 2016, foto © Patrizia Minervini

L’ANIMA DELLA NATURA, di Miriam Maria Santucci

L’ANIMA DELLA NATURA

Ammirare il candore delle nevi
sulle cime di alte montagne,
contemplare l’armonia della luna
e il tripudio di stelle.

Aspirare il profumo dei fiori
ascoltando la voce del mare,
assorbire ogni giorno la luce
e il tepore del sole.

Immergere l’anima propria
nell’anima della Natura
per poter cambiare la Vita
e renderla pura.

Non ci sono persone diverse
per coloro che sanno osservare:
la Natura ci insegna a capire
e ad amare.

#MiriamMariaSantucci

#oltreiconfinidelcieloedelmare
#lalucedeipensieri
#poesiaitaliana

ABBANDONO, di Miriam Maria Santucci

ABBANDONO

Piccolino, non so chi tu sia.
Ti han lasciato in mezzo al cammino…
Guardi intorno e non trovi la via.
Senti vivo il tuo amaro destino
e ti abbandoni sull’erba di un campo.
Piccolino, non so a chi appartieni,
ma di certo non era tuo amico.
Hai lo sguardo perduto nel vuoto
e il mio cuore con te sta tremando.
Mi avvicino… Ascolto un guaito…
Ti accarezzo… Ma già stai volando…

#MiriamMariaSantucci

#oltreiconfinidelcieloedelmare
#leimprontedellavita

Mostra meno

foto propria

SECONDO LUNEDÌ DI MAGGIO, di Miriam Maria Santucci

❤ Per le MAMME volate via… ❤

SECONDO LUNEDÌ DI MAGGIO

Vuota è la chiesa,
muta è la preghiera.
Mamme volate in cielo,
oggi la festa è vostra.
Festa senza banchetti,
festa sol di pensiero.
Riaffiorano i ricordi
come un arcobaleno.
Danzano i suoi colori
intorno all’amore vero.
Oggi è la vostra festa,
Mamme volate in cielo…

#MiriamMariaSantucci
#oltreiconfinidelcieloedelmare
#leimprontedellavita
#festadellamamma
#poesiaitaliana

SCENDI, SIGNORE!, di Miriam Maria Santucci

Terrificante Regressione Umana 

SCENDI, SIGNORE!

Scendi, Signore,
qualunque sia il nome con cui vieni chiamato
scendi sulla terra insanguinata
che ingoia bambine martoriate
e donne imprigionate nei loro lenzuoli.
Scendi, Signore,

libera da assurde atrocità
le nostre sorelle afghane
che conoscono solo tenebre e dolore.
Per una volta sola almeno, un solo istante,
scendi dall’alto dei cieli!
Scendi, Signore!

#MiriamMariaSantucci

#cuoriakabul
#poesiaitaliana
#oltreiconfinidelcieloedelmare

foto Web

NOSTALGIA, di Miriam Maria Santucci

NOSTALGIA

Sono tornata a sedermi sulla siepe
dietro il muro della vecchia fonte.
L’acqua non sgorga più da lungo tempo
e i rovi s’intrecciano e fanno capanna.
Io ci sto sotto rannicchiata a pensare…
L’acqua sgorgava,
quando venivo qui,
e i rovi erano più radi,
e tu c’eri ancora.
Ora non esisti più
ed io sono tornata a sedermi sulla siepe.
Qui, dove annullavo ogni immagine,
sono venuta a cercarti…
Ma i rovi s’intrecciano intorno a me
e graffiano le mie carni,
e l’acqua non sgorga più,
da lungo tempo…

(1969)

#MiriamMariaSantucci
#oltreiconfinidelcieloedelmare
#leimprontedellavita

SEGNI DEL TEMPO, di Miriam Maria Santucci

SEGNI DEL TEMPO

Nessuno sapeva allora
quanto eravamo felici,
lo abbiamo scoperto ora,
distanti dai nostri amici
.

Le porte restavano aperte,
il mondo per noi era eterno,
i vicini giocavano a carte
nelle calme sere d’inverno.

Abbiamo sperato e perduto,
non siamo più come allora,
per tutto ciò che è accaduto
la gente è più povera e sola.

Le tragedie da sempre son frutto
della corsa spietata al potere
e il più fragile viene distrutto
sotto l’ombra di cento bandiere.

(2021)

#miriammariasantucci
#poesiaitaliana
#cuoriakabul

foto propria