Il verso e una preghiera

Cosa possono fare i poeti, nell’ora buia della storia…quando quella sottile, intima, meravigliosa e terribile capacità chiamata empatia fa da eco al lamento del mondo…affidare al cielo il verso e una preghiera.

NAPOLI

Le strade del mondo
mi raccontano di giorni di sgomento.
Se chiudo gli occhi
il vento è un lamento.

Muti fantasmi
non hanno più
nemmeno voglia di
pensare…

Ed io inerme
affido al cielo
il verso e una preghiera,
il verso e una preghiera.

Imma Paradiso

Viaggio nella poesia classica greco-romana: La poetessa Saffo di Mitilene di Caterina Alagna

Salerno, ore 15:55

Link al mio blog https://farfallelibereblog.blogspot.com/

Link a quest’articolo nel mio blog https://farfallelibereblog.blogspot.com/search/label/Poesia%20greco-romana

Saffo nacque tra la fine del VII secolo e l’inizio del VI secolo a.C. sull’ isola di Lesbo. Trascorse la sua vita nella città di  Mitilene, anche se alcune fonti la vorrebbero nativa di Ereso. Certamente fu in buoni rapporti col poeta Alceo, anche lui di Mitilene, che le dedicò un celebre verso:

“Cinta di viole, pura, riso di miele, Saffo.”

Entrambi di origine aristocratica, nutrivano una certa avversione per i parvensus, ovvero per coloro che non erano ricchi. Entrambi, inoltre, appartenevano a una sorta di club. Alceo all’eteria, mentre Saffo al tiaso, dove esercitò il ruolo di educatrice. L’eteria era un circolo aristocratico e militare che univa persone della stessa età, dello stesso sesso e delle stesse idee politiche. Le discussioni che avvenivano all’interno dell’eteria erano quasi tutte a sfondo politico. Per quel che riguarda il tiaso, invece, per molto tempo si è pensato che fosse una specie di educandato per ragazze di buona famiglia per apprendere tutto quel che fosse necessario prima di dedicarsi al doveroso ruolo di spose e di madri. Ma a un’analisi più attenta, basatasi proprio su alcuni frammenti delle poesie di Saffo, è stato ipotizzato che si trattasse piuttosto di un corrispondente femminile dell’eteria, ovvero una sorta di comunità che sicuramente esplicava un ruolo educativo, ma  che era, allo stesso tempo, caratterizzata da forti connotati religiosi che miravano al raggiungimento dell’ideale di perfezione attraverso una serie di pratiche liturgiche e sociali, in cui grande spazio era dedicato al culto di Afrodite. Le ragazze del tiaso vivevano una vita all’insegna della grazia e della raffinatezza. Erano immerse in una sorta di mondo irreale, in una dimensione estatica in cui erano frequenti allucinazioni e visioni della divinità. Un elemento fondamentale del tiaso era l’amore tra le fanciulle, ovvero l’amore saffico. Saffo aveva un marito e una figlia ma ciò non le impediva di intrattenere relazioni con le sue ragazze, relazioni che avevano un forte aspetto educativo. Ciò  stupisce, e non poco, dal momento che le donne nella cultura greca avevano scarsi rapporti col mondo esterno. Sull’isola di Lesbo, invece, le donne avevano la possibilità di ricevere la stessa formazione culturale riservata ai maschi.  Celebre è il testo “Ode alla gelosia“, il più letto e il più tradotto di tutta la letteratura greca:

Mi sembra che sia simile agli dèi

quell’uomo che dinanzi  a te

siede e da vicino dolcemente parla-

          re ti ascolta

e sorridere amorosamente. E ciò davvero 

il cuore nel petto mi fa sobbalzare:

come infatti per poco ti guardo, così di voce

           neppure un soffio mi viene,

ma la lingua resta spezzata, sottile

subito sotto la pelle un fuoco mi scorre,

con gli occhi nulla più vedo, rom-

bano le orecchie,

un sudore mi bagna, un tremito

tutta mi prende, più pallida dell’erba 

io sono e dalla morte poco lontana

        sembro ( a me stessa).

In questi versi, Saffo esprime liberamente i propri sentimenti nei confronti di una ragazza. Secondo alcune fonti si tratterebbe di un epitalamio, ovvero, di un canto scritto per le nozze di una fanciulla e l’uomo che compare al secondo verso sarebbe il promesso sposo. Per altri, invece, sarebbe una sorta di corteggiamento da parte di colui che ” sembra che sia simile agli dèi” nei confronti della ragazza, di fronte al quale Saffo esprime tutta la sua sofferenza per la gelosia provata nei confronti della fanciulla. Saffo fa dell’eros la sua stessa ragione di vita arrivando a trasformare questa sua profonda passione in una sorta di “filosofia”. Lei stessa ce ne parla nei versi intitolati “La cosa più bella”:

Alcuni di cavalieri una schiera, altri di fanti,

altri di navi dicono che sulla terra nera

sia la cosa più bella: io invece 

          ciò che si ama.

Assai facile render comprensibile 

a tutti ciò: infatti colei che di molto superò

in bellezza gli umani, Elena, lo sposo, 

          insigne di tutto

abbandonò e venne a Troia per mare 

e non della figlia nè dei cari genitori

affatto si ricordò, ma la travolse 

         folle d’amore Cipride

ed ora di Anattoria mi fa ricorda-

        re, che non è qui:

di lei l’amato incedere vorrei

vedere e la luce che le brilla in viso 

più che i carri dei Lidi e nell’armi

       i fanti schierati a battaglia.              

Al di là delle vicende personali di Saffo, è bene precisare che l’eros all’interno del tiaso era regolato da un codice di comportamento collettivo, che aveva le sue regole positive e i suoi divieti. Su tali norme vigilava la stessa Afrodite che era garante di giustizia (dikh), la cui violazione coincideva con il rifiuto dell’amore o con il tradimento. In poche parole, per Saffo, Elena non è nè colpevole nè vittima, ma una prescelta di Afrodite, ed è meritovole di stima perchè obbedisce alla dikh della dea. I grammatici alessandrini suddivisero le poesie di Saffo in nove libri, di cui l’ultimo raccoglieva gli epitalami, una serie di canti  destinati a riti nuziali che Saffo scrisse quasi sicuramente su commissione. Ma negli epitalami ci sono anche versi che Saffo riserva ai suoi affetti familiari, versi in cui incontriamo una Saffo diversa da quella dei canti amorosi. Alcuni frammenti ci restituiscono un’immagine più privata della poetessa, legata soprattutto all’ambito della famiglia. Si tratta di poesie dedicate alla figlia Kleis, alla quale fu sempre legata da un profondissimo affetto. 

Ho una bella figlia, che a fiori d’oro

simile ha l’aspetto, l’amata Kleis:

in cambio di lei nè tutta la Lidia nè l’amabile

(vorrei avere)

Purtroppo gran parte dell’opera di Saffo è stata perduta e quel che abbiamo a disposizione sono solo frammenti. Gli studi più recenti, però, hanno gettato nuova luce sulla sua figura così eccezionale da costituire un caso unico nella storia della letteratura occidentale. Concludo con una celebre affermazione del critico E. Thovez, il quale dichiarò che sarebbe stato disposto a dare tutta la letteratura latina per un solo verso di Saffo. Si tratta sicuramente di un’esagerazione, ma serve a darci un’idea di quanto sia grave la perdita che, purtroppo, abbiamo ereditato di gran parte della sua opera.

Sguardo animale di Flavia Sironi: OGGI 4 OTTOBRE E’ LA GIORNATA MONDIALE DEDICATA A TUTTI GLI ANIMALI DELLA TERRA

Sguardo animale di Flavia Sironi: OGGI 4 OTTOBRE E’ LA GIORNATA MONDIALE DEDICATA A TUTTI GLI ANIMALI DELLA TERRA.

Date: 4 ottobre 2022Author: irisgdm

Anche l’uomo è un animale. ANIMALE: ANIMA.

L’uomo/donna appartiene al regno animale e ha, o meglio dovrebbe avere, un’anima.

Noi umani associamo la parola anima al divino. L’anima per noi umani è la sede dei sentimenti.

Per molti di noi l’anima è immortale e ci sopravvive dopo la morte del corpo.

Purtroppo però spesso molti di si scordano di averla e, o per ingordigia, o per sete di potere, o per tantissimi altri egoismi terreni, la mettono da parte per poi ricordarsene al momento della morte per paura di sprofondare nel profondo regno degli inferi. Attraverso la religione chiedono perdono delle loro malefatte.

Questo non accade alle specie che consideriamo animali, ai quali molti non attribuiscono il possesso dell’anima ma li considerano esseri inferiori da utilizzare a loro piacimento, uso e consumo.

Invece gli animali hanno una gerarchia ben precisa, si accoppiano solo con gli esseri della loro specie ( tra noi umani esiste persino la zoorastia ), rispettano i loro cuccioli, ovviamente per quanto riguarda i selvatici con la selezione per la sopravvivenza della razza.

Quelli che noi consideriamo animali non hanno inquinato il mondo, non hanno distrutto foreste, non hanno estinto altre specie di animali ma hanno, o meglio avrebbero, mantenuto l’equilibrio naturale del pianeta.

Buona giornata degli animali al lupo che a fatica sta tornando sulle nostre montagne per via della caccia spietata di alcuni umani ma, per fortuna, con la salvaguardia di altri.

Buona giornata degli animali all’orso che ha la stessa sorte del lupo.

Buona giornata degli animali alla volpe, alla quale attribuiscono colpe che spessissimo non ha, per lucrare sulle sue presunte malefatte, e per usare la sua splendida pelliccia per sciocche donne che non per questo diventano più belle.

Buona giornata degli animali ai gufi, alle civette, alle aquile, ai tassi, ai procioni, ai topolini, agli scoiattoli che si apprestano ad affrontare il letargo insieme alle marmotte, insomma buona giornata degli animali a tutti gli animali di tutto il creato e anche a quegli umani che un’anima la possiedono davvero.

Articolo di Flavia Sironi

Blog: sguardo animale

Domenica, 9 Ottobre ti aspettiamo qui per farti conoscere il dog Trail e il canicross. #sguardoanimalediflaviasironi#flaviasironi#camminacolcane#canicross#sportcinofili#canifelici#canifelici❤️#canidiinstagram#cani#cane#caniche

Non è obbligatorio prendere un cane, anzi se non lo considerate uno della famiglia lasciatelo a chi lo merita. Non pensate di prenderlo per fare la guardia. Se avete paura dei ladri prendete un antifurto, non mangia, non fa’ i bisognini, non si ammala, non invecchia, non muore, non lo possono avvelenare e costa una volta sola. UN CANE È UN COMPONENTE DELLA FAMIGLIA

Articolo di Flavia Sironi

Place des Vosges

Place des Vosges

tempo di lettura: 2 minuti circa

La lettera J sul vetro smerigliato della porta del mio ufficio è praticamente scomparsa, della P invece ne è rimasta quasi la metà. Cognome e attività al momento reggono: Fournier, investigatore privato. Il telefono squilla mentre giro la chiave nella toppa: dopo mesi di silenzio mi sembra un suono celestiale, finalmente un po’ di ossigeno!

Palmiro è scomparso da venti giorni e bisogna fare di tutto per ritrovarlo, costi quel che costi, mi dice la voce all’altro capo del telefono. Siamo tutti addolorati e preoccupati ma Sophie, da allora, non fa che piangere, rifiuta il cibo e non si alza dal letto. Ho paura, aggiunge la voce. che possa fare una sciocchezza, o ammalarsi, perciò la prego non mi dica di no, la pagherò bene. 

Messa a posto qualche carta, chiudo tutto e mi avvio verso Place des Vosges per un sopralluogo. È la prima volta che mi capita un caso di persona scomparsa, e sono alquanto in ansia. Se le casse non fossero state vuote avrei decisamente rifiutato. Il mio campo è  pedinare infedeli e adultere, frugare fra le intemperanze dei corpi e nei bassifondi della carne. Non è il massimo, lo so, ma è quello che ho imparato a fare meglio e che, sino ad ora, mi ha dato da mangiare. Sarà il timore di non essere all’altezza del compito, fatto sta che il passo è lento ed ogni occasione è buona per una sosta. Berrei volentieri un caffè ma non ho il becco di un quattrino e, in zona, non conosco nessuno che possa farmi credito. Mio malgrado, in Rue de Rivoli, mentre aspetto che il semaforo diventi verde, gli occhi cadono sulla mia immagine riflessa in una vetrina, e il cuore ha un sobbalzo. Non è certo una novità, ma quell’uomo insignificante che mi guarda mi fa una grande pena. Un perdente, in buona sostanza, il cui mediocre avvenire era già segnato, strozzato sul nascere da dinamiche malate tra le mura domestiche. Indotto a rimanere in casa a evitare fatti e persone, confronti ed esperienze, non poteva non crearsi un mondo tutto suo, fatto di fantasticherie, avulso dalla realtà. Frustrato costantemente nell’autostima, nelle emozioni e nei sentimenti, disapprovati se non scherniti, non poteva fare altro che soffocarli il più possibile e, pur di ottenere l’approvazione, divenne un finto adulto in un finto bambino. Allevato nei silenzi e nella solitudine disimparò rapidamente a dialogare e condividere. Quell’uomo, dunque, non poteva che pagare dazio una volta fuori l’ovile, una volta affacciatosi in se stesso, oltre che alla vita. Perciò si tuffò sconsideratamente in un connubio già deceduto in partenza, che non fece che ingarbugliare lo stato di fatto suo e quello di un’altra disturbata; perciò procreò senza alcun criterio e perciò disperse il suo patrimonio culturale. In altre parole aggiunse danno al danno, creando ulteriori disastri e vittime, e compromise per sempre qualsiasi tentativo terapeutico.

Il 61 di Place des Vosges è un edificio abitato da benestanti. Cioè pullula di parvenu e cialtroni , espressione tipica dello scadimento culturale imperante, del progresso.

Marito e moglie, in un’atmosfera di ostentata opulenza, mi accolgono non senza manifestare con lo sguardo il loro disprezzo: sicuramente stanno pensando che il mio reclutamento sia stata una leggerezza imperdonabile. Comunque fatto buon viso a cattivo gioco mi espongono i fatti. Sophie, intanto, al centro di una stanza stracolma di giocattoli e di altre cianfrusaglie, esterna il suo dolore davanti a un televisore gigantesco, ammazzando figure antropomorfe col joystick, nel mentre la fantesca di colore, in grembiule e cuffietta di pizzo,  la imbocca.

Piango senza ritegno mentre, di corsa, scendo le scale dopo aver accettato l’elemosina per un oltraggio. 

Palmiro, la foto lo identifica senza dubbi, mi viene incontro scodinzolando nel bel mezzo dei giardini della piazza. Soppeso le tre opzioni a mia disposizione  solo per qualche istante, poi lo porto via con me. Domani poi si vedrà.
https://gieffe00.wordpress.com/2022/10/02/place-des-vosges/

TRILUSSA “FELICITA'”, di Silvia De Angelis

1-trilussa

 “C’è un ape che si posa
su un bottone di rosa:
lo succhia e se ne và…
Tutto sommato, la felicità
è una piccola cosa.”

trilussa felicità

Un piccolo cantico, che d’impatto potrebbe apparire solo inusuale per la sua brevità, ma che riletto attentamente, sa racchiudere un profondo significato, non agibile a tutti.

Infatti, in molti, non riescono ad essere appagati dalle piccole gestualità del quotidiano, che, nel loro insieme ci permettono di condurre una vita piuttosto agiata, fatta di comodità  e di tutti quei particolari che rendono gaie le ore del nostro giorno.

Gli individui, in genere, spesso sono alla ricerca di cose astruse, al di fuori della  loro portata, per appagare un ego incontentabile e insoddisfatto, causa spesso, di forme di depressione.

Eppure basta osservare l’intensità del cielo e del mare, per appropriarsi d’un’infinita gioia di vivere, accompagnata da tanti piccoli particolari del contorno, che nel loro insieme, ci permettono di condurre un percorso abbastanza soddisfacente e in grado di mettere da parte, l’energia necessaria, per superare quei momenti complessi che la vita, prima o poi, riserva.

Quindi , tornando ai versi del Trilussa, cogliamone il senso più appropriato, cercando di catturare quella felicità dell’attimo, che abbiamo a portata di mano (@Silvia De Angelis

Una febbre leggera di Jean Baptiste Para

Ooesia densa di significato

almerighi

Jean Baptiste Para (1956) è un poeta, critico d’arte e traduttore francese.

Perdere quel che avrebbe potuto essere
ha lasciato una traccia,
una parola mancante
nel lato del fogliame
in cui gocciola il tempo.
L’inerte ha in sé una velocità
che non raggiungerò mai.
È la nostra stanza sulla strada.
Vorrei guardarti in viso
nell’attimo in cui il mondo prende fuoco.
Ma tutto ciò che è
soffre ad essere tradotto.
Chi potrebbe separare le ombre
perché tornino a conoscere l’attesa?
La poesia s’impara
strisciando fra le ortiche.
So bene che devo soffocare la mia voce.
(Traduzione di Lucio Mariani)

*

View original post

È poesia…

Le poesie di Sergio Carlacchiani tradotte da Joan Josep Barcelo

Foto : Sergio Carlacchiani

Il grande poeta e traduttore Joan Josep Barcelo, caro amico, mi fa questo straordinario dono, traducendo in catalano e in spagnolo, tre miei inediti…
Sergio Carlacchiani

Da “Poesie d’ospedale”
1 Ottobre 2022
Tre inediti.

Irraggiungibile amore
appena risvegliato
divinità umana sei
all’orizzonte ingrato
appari non ti conosco
pigoli ma che pena

non avere pane per te.

Primi li vediamo arrivare
raggianti l’aurora ed io
stormi di versi colorati
innamorati della vita
posano sui nostri cuori

la scrutano e beccano lieti.

Umile stremato amore
nel cuore silente giaci
puro prezioso inutile
quale tesoro nascosto!
Bevo la tua offerta
nella conca delle mani.

(in catalano)

Amor inabastable
acabat de despertar
ets divinitat humana
a l’horitzó desagraït
apareixes no et conec
gemegues però quina pena
no tenir pa per a tu.


Els veiem arribar primers
radiants l’alba i jo
estols de versos de colors
enamorats de la vida
reposen en els nostres cors
la miren i picotegen feliços.


Amor humil esgotat
en el cor silenciós reposes
pur preuat inútil
com  tresor amagat!
Bec la teva oferta
al buit de les mans.

Joan Josep Barceló i Bauçà

(in spagnolo)

amor inalcanzable
recién despertado
eres divinidad humana
en el horizonte ingrato
apareces no te conozco
gimess pero que pena
no tener pan para ti.


Los vemos llegar primeros
radiantes el alba y yo
bandadas de versos coloridos
enamorados de la vida
descansan en nuestros corazones
la miran y picotean alegremente.


Humilde amor agotado
en el corazón silencioso reposas
puro inútil precioso
¡Cómo tesoro escondido!
Bebo tu oferta
en el hueco de las manos.

Joan Josep Barceló i Bauçà

http://nonsolopoesiarte.art.blog/2022/10/04/e-poesia-3/

Foto : Joan Josep Barcelo

La magia della poesia che unisce il mondo

Joan Josep Barcelo e Francisco Cazorla

Foto : Francisco Cazorla

UN VÉRTIGO

queda el vértigo
de renunciar a las espinas
con la urgencia de la profecía

queda un mártir
que no quiere pedir clemencia
y se deleita en las llamas

quedan todos los colmillos
por encima de cualquier labio

queda la dulzura de la hoja
deshaciéndose en un beso húmedo
tumbada sobre la tierra

queda el abismo del crepúsculo
la herida
y la primavera
.
.
UNA VERTIGINE

resta la vertigine
di rinunciare alle spine
con l’urgenza della profezia

resta un martire
chi non vuole chiedere pietà
e si crogiola nelle fiamme

rimangono tutte le zanne
sopra ogni labbro

resta la dolcezza della foglia
dissolvendosi in un umido bacio
sdraiata sulla terra

resta l’abisso del crepuscolo
la ferita
e la primavera
.
.
Francisco Cazorla

http://nonsolopoesiarte.art.blog/2022/10/04/la-magia-della-poesia-che-unisce-il-mondo/

Il colore della poesia: Iris G. DM

Date: 4 ottobre 2022Author: irisgdm0 Commenti— Modifica

Puro nettare

in un bicchiere di cristallo,

staglia il colore rosso brillante,

in queste pure pareti trasparenti.

Opera d’arte di Dio,

stilla vita dalle vene,

colori aranciati e di tramonto,

grondante semi di rubino e di sangue.

Chicchi rilucenti,

grappoli come cristalli,

porpora scarlatta e di campanelli d’oro,

frutto e albero divino e antico. Iris G.DM

San Francesco:”Il Cantico delle Creature”un inno d’amore

San Francesco è poeta dell’Uomo. Poche parole che hanno dietro concetti e visioni (e queste sì che si avvicinano al Misticismo) che riescono a perforare il cuore degli Uomini, Il Cantico delle Creature”. Già nel titolo, San Francesco, dichiara “la forma” della sua poetica: Cantico. Cantare, dunque. E si canta in versi, si sa. Il Cantico delle Creature si presenta come una prosa ritmica, che richiama i ritmi delle litanie, con la presenza di versi di varia lunghezza, stilizzati in base alle consonanze e alle assonanze oltre che alle rime, conosciuto anche come Il cantico di Frate sole e Sorella Luna, è senza dubbio fra i primi importanti componimenti poetici della lingua volgare e rappresenta la più famosa poesia religiosa di sempre della letteratura italiana. Hermann Hesse, scrittore del ‘900 e attento studioso del pensiero e della parola poetica di San Francesco d’Assisi, lo definisce “Il saluto di Dio sulla terra”. Il fatto che uno scrittore protestante, che sarebbe diventato uno dei maestri delle generazioni a venire, abbia dedicato un libro ad un faro della cattolicità, fa pensare. Il Cantico è stato composto a San Damiano, in tre diversi periodi della vita di Francesco, contrassegnati dalla sofferenza fisica, dalla gioia per la pace raggiunta tra podestà e vescovo di Assisi e dall’appressarsi della fine. Rimane un’opera di poesia assoluta che ha influenzato molti artisti e scrittori nel corso dei secoli, realizzata da un uomo che, pur in possesso di una cultura media per il suo tempo, aveva rinunciato a tutto ciò che apparteneva a quella società e a quel modo di intendere la cultura. Francesco non era contro la cultura, ma contro la verbosità, la leziosaggine, il vuoto delle parole fini a se stesse. Francesco dimostrava che la poesia vera è quella che nasce fuori dai condizionamenti e dalle mode.

NAPOLI

Francesco d’Assisi, nato Giovanni di Pietro di Bernardone (Assisi, 1181/1182 – Assisi, 3 ottobre 1226), è stato un religioso e poeta italiano. Diacono e fondatore dell’ordine che da lui poi prese il nome (Ordine Francescano), è venerato come santo dalla Chiesa cattolica e dalla Comunione anglicana; proclamato, assieme a santa Caterina da Siena, patrono principale d’Italia il 18 giugno 1939 da papa Pio XII, il 4 ottobre ne viene celebrata la memoria liturgica in tutta la Chiesa cattolica.
Era figlio di Pietro di Bernardone, un ricco mercante di stoffe che desiderava per il figlio una carriera nel commercio. Le aspettative dell’uomo, però, andarono deluse. Fin dalla giovane età, infatti, San Francesco si dedicò alla carriera militare e partecipò a molti combattimenti, venendo fatto perfino prigioniero. All’improvviso, nel 1205, una crisi religiosa lo spinse però a convertirsi: mentre era in viaggio per essere nominato cavaliere, infatti, un sogno lo spinse a tornare ad Assisi per mettersi al servizio di Dio. Passando per Foligno, vendette il proprio cavallo e i propri ricchi abiti e indossò poveri panni. Donò così tutti i suoi beni ai poveri e chiuse i rapporti con la famiglia. Ben presto, intorno a San Francesco d’Assisi, cominciarono a raggrupparsi alcuni compagni (fratres), che dormivano dove capitava, si vestivano con stracci e camminavano scalzi. Essi assunsero il nome di frati minori e si dedicarono soprattutto al restauro delle chiese in rovina e alla cura dei malati di lebbra, che nessuno voleva accudire per paura di essere contagiato dall’orribile malattia. Qualche anno dopo, San Francesco e i suoi fratres decisero di imitare alla lettera il modello della vita apostolica e, vestiti con una rozza tunica cinta da un cordone, iniziarono a predicare nell’Italia centrale, esortando le popolazioni a fare penitenza. Poiché la predicazione dei laici era vietata dalla Chiesa, nel 1210 i fratres decisero di chiedere il riconoscimento della loro forma di vita religiosa e presentarono una breve Regola a papa Innocenzo III: dopo qualche esitazione, il pontefice diede una prima approvazione informale.La Regola fu poi approvata ufficiosamente da papa Onorio III solo nel 1223, quando nacque ufficialmente l’ordine francescano. In generale, l’attività principale di San Francesco era quella della predicazione: parlava con tutti – con gli esseri umani ma, secondo la leggenda, anche con gli animali, inclusi uccelli e lupi feroci – ed esortava tutti a comportarsi con amore l’uno verso l’altro. Ben presto, però, tra i suoi seguaci – diventati sempre più numerosi – si verificarono dei contrasti: molti di essi, infatti, non volevano vivere nella totale povertà ordinata da Francesco, che lasciò la guida del gruppo, rimanendone un punto di riferimento solo spirituale. San Francesco d’Assisi morì nel 1226, ormai malato e colpito dalle stigmate, che aveva ricevuto qualche anno prima sul monte Verna: nel 1228, intanto, Francesco d’Assisi venne fatto santo: è il santo patrono d’Italia. San Francesco d’Assisi non fu un filosofo nel senso preciso del termine, ma le sue riflessioni sulla vita, sulla morale, sulla religione e sulla natura ebbero una rapidissima diffusione: nacque così il francescanesimo, che ebbe una grandissima influenza nell’Europa del XIII e XIV secolo. L’amore di San Francesco è ancora più grande nei confronti di Gesù, figlio di Dio, nato e morto per la salvezza degli uomini. L’amore dimostrato da Gesù verso gli uomini può essere glorificato in un solo modo, cioè seguendo il suo insegnamento presentato nel Vangelo: «Dobbiamo amare molto l’amore di colui che ci ha molto amati».

Il Cantico è strutturato come una lode a Dio per la bellezza del creato, e mescola elementi della tradizione dell’Antico Testamento con espressioni linguistiche tipiche del volgare popolare del tempo.Il componimento è come una preghiera, un momento in cui si ringrazia il creatore per la sua opera di bellezza presente in ogni dove, ma presente è anche la morte che anch’essa glorifica Dio. All’uomo non spetta che il compito di accettare umilmente e serenamente tutto ciò che proviene da Dio e farne tesoro.

Altissimu, onnipotente, bon Signore, tue so’ le laude, la gloria e ’honore et onne benedictione.
Ad te solo, Altissimo, se konfàno et nullu homo ène dignu te mentovare.
Laudato sie mi’ Signore, cum tucte le tue creature, spetialmente messor lo frate sole, lo qual è iorno, et allumini noi per lui. Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore, de te, Altissimo, porta significatione.
Laudato si’, mi’ Signore, per sora luna e le stelle, in celu l’ài formate clarite et pretiose et belle.
Laudato si’, mi’ Signore, per frate vento et per aere et nubilo et sereno et onne tempo, per lo quale a le tue creature dài sustentamento.
Laudato si’, mi’ Signore, per sor’aqua, la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta.
Laudato si’, mi’ Signore, per frate focu, per lo quale ennallumini la nocte, et ello è bello et iocundo et robustoso et forte.
Laudato si’, mi’ Signore, per sora nostra matre terra, la quale ne sustenta et governa, et produce diversi fructi con coloriti flori et herba.
Laudato si’, mi’ Signore, per quelli ke perdonano per lo tuo amore, et sostengo infirmitate et tribulatione.
Beati quelli che ’l sosterrano in pace, ca da te, Altissimo, sirano incoronati.
Laudato si’ mi’ Signore per sora nostra morte corporale, da la quale nullu homo vivente pò scappare: guai a quelli che morrano ne le peccata mortali;
Beati quelli che trovarà ne le tue santissime voluntati, ka la morte secunda no ’l farrà male.
Laudate et benedicete mi’ Signore’ et ringratiate et serviateli cum grande humilitate

*La poesia è l’espressione più alta dei sentimenti e delle emozioni che nascono dal cuore. Questo canto di ringraziamento e di lode ne è un esempio mirabile, letto, studiato e fonte d’ispirazione per tanti uomini di cultura al di là della sua valenza religiosa. Primo esempio di componimento in lingua volgare del tempo.

Giovanni Ciao Scrittore: guaritore del corpo e dell’anima. 1° parte

Date: 4 ottobre 2022Author: irisgdm0 Commenti— Modifica

Articolo di Marina Donnarumma Iris G. DM. Roma 4 ottobre 2022

Giovanni Ciao

“In tanti anni di onorata professione
ancora sto cercando la giusta terapia
per l’ipocrisia, per la carenza di compassione
E per tutti quegli strani effetti avversi
di un’altra endovena di questo nostro folle amore” Giovanni Ciao

dottor Giovanni Ciao

Sono un medico. Ma non solo. Ho bisogno di esprimermi e condividere il mio sentire. Mi fa stare bene. Giovanni Ciao

“Hai sbagliato tutto, uomo
Potrai fiaccarle i fianchi
Rasarle il capo
Privarla del piacere
Potrai toglierle il tempo
Potrai imporle un dio
e la forza del tuo pugno
Ma hai sbagliato tutto, credimi
Perché le hai lasciato gli occhi
Per piangere
Per soffrire
Per sorridere
Per arrossire
Per gioire
Per amare, ancora
Potrai renderla schiava, uomo
Ma non potrai strapparle via la libertà
di farsi guardare dentro l’animo”


Io mi innamoro delle parole, sono loro che giungono a me, io allora mi lascio avvolgere dalla loro magia. Cosi che ho incontrato lo scrittore Giovanni Ciao, medico nefrologo, che cura il corpo e l’anima. Le parole delle sue poesie brillano di luce propria, lui stesso dice”scrivo poesie non per vivere, ma per sopravvivere” Scritti nati da esperienze di vita molto forti a cui ci si aggrappa come fulcro per raggiungere un certo equilibrio
Sono versi intensi, intrinsechi, che si aggrappano all’anima, che si arrampicano, cercando vette più alte, più difficili, perchè se ne va della nostra vita. Tutto ciò Giovanni Ciao lo capisce benissimo, lui che sull’altalena della vita ci sta in prima persona, in un alternarsi tra la vita e la morte, che, lui , spesso, per via del suo lavoro, accompagna. Cosa è la vita? Noi siamo in questa terra provvisori, vicini o distanti alla morte. Spesso la sfioriamo e neanche ne siamo consci. Giovanni un uomo, un medico, uno scrittore, figure ugualmente intense ed innamorate, in una fusione superba, lui innamorato dell’amore, di cui scrive intensamente, con passione.
Nelle sue poesie d’amore, ci si sofferma particolarmente, perchè non sono solo ispirate, ma dedicate ad una donna, cioè sua moglie Paola. Padre, marito, medico amorevole, amante della lirica che canta con la stessa intensità della sua vita.
In un mondo come questo potremmo pensare che sia una figura aliena, eh no! In questo caso siamo noi, gli alieni! Coltivare i rapporti dovrebbe essere compito di ciascuno di noi, un impegno gravoso, ma che ci ripaga circondandoci di amore. L’amore non si dice, l’amore si fa e Giovanni Ciao, lo coltiva con i pazienti, con la famiglia, con ogni persona. Un mito? Sicuramente lo è, nell’aridità dei sentimenti lui è l’oasi, il sollievo con l’esempio della sua vita, con le azioni e con i suoi versi. Leggere Giovanni Ciao ti arricchisce dentro, lui è l’amico che vorresti avere vicino, che vorresti ascoltare, in questo caso che devi leggere, leggere per capire quanto sia profondo. Una intensità, una profondità che sicuramente è frutto del suo lavoro, ma di lui, persona estremamente sensibile, che ha conservato la sua umanità, che non ha fatto del suo lavoro un abitudine, ma un esperienza metafisica. Molti medici dimenticano l’umanità, freddi, distanti, poco disponibili, arroganti, bruschi, in malattie che invece ne hanno bisogno di tanta, tanta umanità. Lui l’umanità non la dimentica, la scrive, la vive, la dona. Cosa dire ancora di questo scrittore straordinario? Leggetelo, amate ciò che scrive, ciò che dona a tutti noi, in un mondo cosi ostile, desertificato di sentimenti, di emozioni.

“È quando tutto d’intorno

ti diventa buio

che la fiammella di una candela

riesce ad abbagliarti”

________________________

© Giovanni Ciao

(Ph. Giovanni Ciao)

Foto di Giovanni Ciao

GIOVANNI CIAO
Nato a Pescara(1960) da genitori assolutamente meridionali; da loro ha imparato ad apprezzare la
spontaneità del carattere siciliano e la vivacità del pensiero campano. È comunque sempre vissuto
a Perugia.
Medico di professione (nefrologo) ha provato sulla propria pelle la sofferenza umana. Nonostante
la formazione scientifica ha da sempre amato la letteratura classica.
Ha pubblicato tre raccolte poetiche, con Bertoni Editore, Perugia.
La prima, “Appunti di vita”, del 2017 racconta attraverso la poesia l’attenzione alla famiglia, alla
natura e alle piccole cose quotidiane, sentimenti così fortemente trasmessi dai suoi genitori. Si tratta
di una sorta di album fotografico, dove sono presenti non scatti, ma poesie di ciò che circonda
l’Autore, con chiari richiami al suo spirito mediterraneo
La seconda pubblicazione “E canterò di te”, 2020 raccoglie poesie dedicate alla Donna. Donne,
madri, figlie, compagne…l’esaltazione della femminilità. In questa raccolta l’Autore pone su un
amorevole piedistallo la Donna nel suo universale valore, con particolare attenzione alle donne che
più gli sono quotidianamente accanto.
La terza raccolta si intitola “Giorni alla finestra”, sempre edito da Bertoni, 2022, a cura del Gruppo
Letterario “Women@work”. La narrazione assume l’aspetto di un diario che si dipana in un anno di
segregazione in corso della recente pandemia. Giorni vissuti per lo più dietro i vetri delle finestre,
guardando con ansia ciò che là fuori si viveva. Un ritrovarsi in spazi domestici, a volte angusti, ma
per l’Autore sempre fortemente amati.
Ha partecipato alle antologie “Donne che parlano agli uomini. Uomini che parlano alle donne” – ed.
La casa degli Artisti – Quaderni; “Inno all’amore” – Bertoni Editore.
L’Autore asserisce spesso: “…scrivo poesie non per vivere, ma per sopravvivere…”

Le visite, al tempo del Covid

(Memorie di un medico di campagna)

_____________________________

“Un mio paziente, un mio caro amico, l’altro giorno è venuto in ospedale, alla visita di controllo.

Si è parlato di tutto, meno che di salute.

Lui ha la passione per la fotografia.

Ma più che altro per la vita.

Mi dice che legge con piacere i miei scritti.

Lui le chiama “poesie”…

Mi dice:

“Posso chiederti una cosa? Puoi anche non rispondermi”

“Dimmi”

“Leggo sempre con interesse ciò che scrivi, ma… dì la verità: ma è proprio vero che hai trovato l’amore della tua vita?”

Io lo guardo e sorrido dietro la mascherina.

Lui mi guarda gli occhi e annuisce.

Ci si appannano gli occhiali.

E gli occhi”

____________________________

©️✒Giovanni Ciao


Ha pubblicato tre raccolte poetiche, con Bertoni Editore, Perugia.
La prima, “Appunti di vita”, del 2017 racconta attraverso la poesia l’attenzione alla famiglia, alla
natura e alle piccole cose quotidiane, sentimenti così fortemente trasmessi dai suoi genitori. Si tratta
di una sorta di album fotografico, dove sono presenti non scatti, ma poesie di ciò che circonda
l’Autore, con chiari richiami al suo spirito mediterraneo

“Amo, la notte

guardare da quassù

il rumore del mondo

Mi sembra essere così distante

ascoltare solo il battere

dei nostri cuori mi ripaga

del dover riscendere

domani

tra il silenzio della gente”

_________________________

© Giovanni Ciao

(Art. Pascal Campion)


La seconda pubblicazione “E canterò di te”, 2020 raccoglie poesie dedicate alla Donna. Donne,
madri, figlie, compagne…l’esaltazione della femminilità. In questa raccolta l’Autore pone su un
amorevole piedistallo la Donna nel suo universale valore, con particolare attenzione alle donne che
più gli sono quotidianamente accanto.
La terza raccolta si intitola “Giorni alla finestra”, sempre edito da Bertoni, 2022, a cura del Gruppo
Letterario “Women@work”. La narrazione assume l’aspetto di un diario che si dipana in un anno di
segregazione in corso della recente pandemia. Giorni vissuti per lo più dietro i vetri delle finestre,
guardando con ansia ciò che là fuori si viveva. Un ritrovarsi in spazi domestici, a volte angusti, ma
per l’Autore sempre fortemente amati.
Ha partecipato alle antologie “Donne che parlano agli uomini. Uomini che parlano alle donne” – ed.
La casa degli Artisti – Quaderni; “Inno all’amore” – Bertoni Editore.
L’Autore asserisce spesso: “…scrivo poesie non per vivere, ma per sopravvivere…”

“Ho sempre avuto un debole

per le timide fossette del tuo sorriso

per quelle amabili rughe sopra il tuo labbro

per le pudìche borse sotto i tuoi occhi

Mi cantano della tua allegria

Mi dicono dei nostri baci

Mi raccontano delle tue lacrime”

__________________________

© Giovanni Ciao

(Art. Ikenaga Yasunari)

“Quello che ad agosto temi di pensare

e che settembre inizia piano piano a fartelo apprezzare

giunge sommesso quest’altro ottobre

Che tra nebbie discrete e le dismesse foglie

con educato garbo te lo farà per sempre amare”

__________________________

©️✒Giovanni Ciao

foto di Antonella Marzano

https://www.facebook.com/diGiovanniCiao La pagina di poesie di Giovanni Ciao

Articolo di Marina Donnarumma Iris G. DM

Luminosa essenza

Da Frida la loka (Lombardia)

A dir il vero, oggi mi hai sorpresa. La giornata mi hai donato; e sai che ho un debole per te.

Sei comparso quando ormai non ci aspettavo... all'improvviso.
D'altronde, lo fai sempre, giochi di speculazione?, un segno in codice per dire: - ci sono? oppure semplicemente un accenno del tuo baglior giallo-verde per rassicurare anime volubili.

E io ho raccolto questo mazzo di raggi dorati, come un bouquet appena preparato per me, fresco e tiepido al contempo e l'ho annusato come candidi gelsomini in primavera.

Corpo luminoso prediletto sei tu, sei tornato e avrei giurato che hai pure schizzato un febbril sorriso autunnale,anche questo; solo per me.

Illusa e conformista, questa sono; sognatrice di utopie azzurri verdi che tolgono il fiato.

Tua.

3 ottobre, 2022.

Dal blog personale

http://fridalaloka.com

Ripubblicato su

http://alessandria.today

Aforismi afoni e cafoni (parte terza)…

-Non accadeva mai nulla. Nulla di interessante. Nulla di memorabile. Così si mettevano a parlare del tempo e di altre inezie per ingannare il tempo. Ci voleva calma e pazienza per vivere in provincia. Probabilmente sarebbero morti di infarto e il giornale non avrebbe dedicato all’evento neanche un trafiletto.

– Anche un pirla può avere delle perle di saggezza.

– Dire che si vive è un eufemismo. Diciamo che si sopravvive.

– È un peccato non commettere certi peccati.

– Da giovani il sesso è una cosa tremendamente seria. Con la maturità si riesce talvolta a scorgere il lato ludico del sesso.

– Un pensiero per essere valido deve essere pensato più volte. L’importante è che non diventi un’ossessione.

– Un dubbio non è altro che una certezza intelligente.

– L’Italia è il Paese dei lupi, delle pecore e degli sciacalli.

– I giovani credono ai cantanti. Le persone mature invece credono ai maghi e agli astrologi.

– L’importante è saper cogliere l’essenza anche nell’assenza.

– L’ossessione nei confronti di una donna è tipica degli uomini che non hanno fantasia.

– La vita è assurda. Bisogna esserne consapevoli, ma vivere come se non lo fosse.

– In Italia c’è così tanta violenza fisica che la violenza psicosociale viene presa poco in considerazione.

– La coerenza da sola non è una virtù. Dipende a quali principi si è coerenti.

– Il tempo libero per molti è noia o sballo. Niente altro.

– I guai vengono già da soli. Non crearteli.

– In Italia c’è tanto gallismo. Ma gli studi degli andrologi sono sempre più pieni.

– Non fatevi ingannare. Il partito di maggioranza in Italia non è di sinistra, di centro o di destra. Piuttosto è quello trasversale degli uomini di legge (giudici e avvocati).

– Teledipendenti di tutto il mondo unitevi!

– Gli scienziati studiano l’infinitamente piccolo e l’infinitamente grande. Peccato che gli esseri umani sono finiti e di media grandezza!

– La maggioranza dei borghesi usa i libri come soprammobili.

– Chi pensa che si stava meglio quando si stava peggio si sbaglia. È soltanto che allora era più giovane.

– Certe attrici prima si fanno il produttore e poi si rifanno dal chirurgo estetico.

– Il problema tra le generazioni è che sono pochi coloro che imparano qualcosa dalla vita e altrettanti meno sono i giovani che vogliono far tesoro dell’esperienza dei maturi.

– Non so se sia meglio o peggio, ma ringrazio Dio di avermi fatto diverso da certe persone.

– In Italia per stare comodi bisogna essere accomodanti.

– C’è un abuso della libertà di parola, mentre è in disuso la libertà di pensiero.

– Certe donne cercano nel loro uomo il padre e trovano soltanto un bambino attempato.

– Parlare male dell’Italia è una cura omeopatica.

– Ci autoassolviamo sempre perché facciamo cadere sempre le nostre colpe in prescrizione.

– Il potere vorrebbe uniformare i gusti. Ma non è detto che ci riesca.

– Non bisogna credere ai poeti e ai loro amori non ricambiati e impossibili. Il mondo va avanti grazie ad amori ricambiati e banali.

– È più libero chi conquista una libertà di chi la considera un suo diritto acquisito.

– Cari letterati, basta con il birignao.

– La legge è piena di cavilli. In politica regnano invece gli intrallazzi.

– Non cercate di essere eclettici. La società vi punirà.

– L’eccesso di informazione inibisce la riflessione.

– La forza fisica è dell’altro secolo. Oggi conta altro.

– Non cercate di dare un senso a ciò che probabilmente un senso non ce l’ha.

– L’unica cosa certa nella vita è l’incertezza.

– Bella la morte che elimina ogni sofferenza! Tremenda la morte che elimina ogni speranza!

– Il politicamente corretto è un impasto di ipocrisie e di rispetto della dignità umana.

– Non si vedono più in giro nasi aquilini, orecchi a sventola, doppi menti. Tanti scelgono di rifarsi piuttosto che di accettarsi.

– “Ama il prossimo tuo come te stesso”. E chi odia se stesso?

– Quando le compagne di scuola non vengono più guardate negli occhi l’innocenza è perduta per sempre.

– Tra tutte le donne che scendono a compromessi solo le più belle fanno carriera.

– Le regole si possono applicare in modo elastico o fiscale. Ma spesso in Italia non si applicano affatto.

– Non so se sia peggio chi offende o chi fa l’offeso senza essere mai stato offeso.

– I barboni sono dei santi laici.

– Io non sono un fallito qualunque: sono un fallito totalmente riuscito.

– Se nella notte hai dei microrisvegli non preoccuparti: i ladri staranno alla larga.

– Parla come mangi e scrivi come caghi.

– Dopo essere stati dal dentista si può essere giù di morale…anzi di molare.

– Gelosia retroattiva? Gelosia ossessiva? Ogni tanto bisognerebbe resettare tutto con una amnesia.

– Molti giorni della nostra vita sono pleonastici.

– E se Satana fosse uno pseudonimo di Dio?

– Moltissimi italiani sarebbero disposti a tutto per un passaggio televisivo. Tutti vorrebbero il successo.

– Un eccesso di cultura può inibire la creatività. Le persone troppo colte spesso finiscono per autocensurarsi.

– La coppia scoppia e gli avvocati matrimonialisti si arricchiscono.

– Molte identità sono specchi in frantumi.

– Perdonare non è un dovere. È un diritto.

– Le abitudini e la normalità ci rassicurano.

– Gli uomini con i soldi sono più amati dal gentil sesso. La ricchezza rende amabili.

– Dopo aver visto per un’ora donne in topless sulle spiagge si viene colpiti da un momentaneo calo del desiderio.

– Sono se sempre più i moralisti senza morale.

– È così difficile pensare per un’ora senza rimuginare le proprie fantasie erotiche.

– La noia è per certi versi autoalienazione.

– Fallire è un poco morire.

– Prima di pensare a salvarsi l’anima bisognerebbe pensare a salvarsi la pelle.

– Perché gli uomini non agiscono secondo l’etica kantiana? Innanzitutto la coscienza di Kant era permeata di pietismo tedesco. Inoltre la condizione necessaria per l’imperativo categorico è la ragionevolezza dell’uomo. Forse l’uomo non è un essere ragionevole.

– Siamo come dei gatti randagi a cui dei sadici hanno tolto le vibrisse e perciò non hanno alcun senso di orientamento.

⁃ La televisione e la carta stampata ci vogliono far credere che i vip siano le vallette e i calciatori, che si fidanzano e si sposano tra di loro. Ma siamo sicuri che questi sono i veri vip? È l’importanza dello show business? Oppure questa è solo una strategia da parte di chi dirige i mass media per distrarre le persone e non fargli sapere cosa accade nei consigli di amministrazione delle stanze dei bottoni? Ci sono persone molto potenti, che sono poco conosciute al grande pubblico. Al contrario tutti conoscono delle starlette usa e getta, che per una stagione hanno tutti gli onori della cronaca.

– Oggi tutto è relativo tranne quello che le scienze considerano oggettivo.

– Scrivere? Autoterapia e tentativo di esprimere la propria visione del mondo.

– Il darwinista sociale non tiene conto del destino.

– Anche coloro che hanno più giudizio non provano piacere nell’essere giudicati.

– L’unico luogo di aggregazione dei giovani è la discoteca. Quindi non lamentatevi troppo dei giovani.

– La fantasia al potere? Forse no. Ma non dovrebbe nemmeno trovarsi nell’ufficio oggetti smarriti.

– Il matrimonio può essere un’istituzione superata per i coniugi, ma è necessaria per i figli piccoli e gli amanti pigri.

– I soldi? Troppi danno alla testa. Troppo pochi danno allo stomaco e fanno venire i crampi dalla fame.

– Gli sbadigli e il riso sono socialmente contagiosi. Il buon senso mai.

– Sono veramente pochi coloro che ammettono di essere invidiosi.

– La maggioranza delle persone arrivate pensano che sia esclusivamente per merito loro. La maggioranza delle persone che non c’è l’ha fatta pensano che sia esclusivamente per sfortuna.

– Siamo una colonia americana. Importiamo le mode americane con qualche decennio di ritardo.

– In Italia c’è il racket dei venditori delle rose, dei mendicanti, delle prostitute, dei lavavetri. C’è il racket su tutto.

– Il più grande difetto della giovinezza è l’incoscienza. Il più grande pregio è la spensieratezza.

– Gli italiani di oggi sono più formali, ma meno gentili di un tempo.

– L’autunno mi ha portato al parossismo della noia.

– A volte quando agiamo ci osserviamo, ci sentiamo sdoppiati e dissociati.

– Nessuno oggi crede alle metanarrazioni. Oggi crediamo alle infranarrazioni.

– La donna indipendente non è più oggetto del desiderio, ma soggetto del desiderio.

– Siamo così sicuri quando giudichiamo gli altri. Siamo così pieni di dubbi quando giudichiamo noi stessi.

– Noi italiani non abbiamo senso dello Stato. Non siamo animali istituzionali.

– Lo snobismo intellettuale allontana le persone dalla cultura.

– Per scacciare la noia molti si affidano alla trivialità.

– Chi ha paura del nuovo spesso ha una resistenza al cambiamento: ha paura di cambiare sé stesso.

– Che senso ha essere ricchi se poi si hanno dei pessimi gusti e si comprano solo schifezze?

– Chi vuole l’uomo forte lo vada a cercare in palestra.

– Uomo moderno, a Carnevale un’altra maschera ti coprirà il volto.

– Un’amara verità detta da una persona cara fa ancora più male.

– Gli amici possono essere simili. La persona amata è meglio se è complementare.

– Per avere successo in Italia bisogna anche essere bravi nelle pubbliche relazioni.

– L’ozio è il padre dei vizi e il patrigno dei liberi pensatori.

– Senza rispetto reciproco non c’è alcuna forma di convivenza civile.

– Non sono io che non capisco certe poesie. Sono certe poesie che sono così profonde da non avere senso.

– Se ne abusiamo anche un farmaco può diventare un veleno.

– Gli idealisti sono sempre peggiori dei propri ideali. Alcune volte per la loro mediocrità. Altre volte per gli ideali troppo elevati.

– L’onestà è una qualità che non tutti si possono permettere.

– Non tutti i nodi vengono al pettine. Alcuni nodi infatti restano in gola.

– È impossibile imparare a vivere. Però si può sempre imparare a pensare.

– Nessuno può dire la verità perché nessuno sa la verità.

– È pacifico che questa Italia non è pacificata.

– Prima ancora della delocalizzazione della produzione è avvenuta la delocalizzazione delle conoscenze.

– Quanti Natali ancora? Quanti ultimi dell’anno? Quante Pasque? Quanti Ferragosto ancora?

– Nessuno può disapprovare una prova provata.

– Le donne farebbero di tutto per un elisir di lunga giovinezza. Gli uomini farebbero di tutto per avere una giovane amante.

– Abbiamo bisogno delle idee per crederci immortali.

– Vantaggio di non essere benestanti: è improbabile che dei ladri professionisti vengano a rubarci.

– La grande città a lungo termine ti corrompe.

– Nella vita moderna spesso non c’è più una rotta. Si tratta di navigare a vista.

– Chi sogna ad occhi aperti spesso va a sbattere contro la realtà.

– Chi dice che Tizio fondamentalmente è un bravo ragazzo vuol dire che Tizio non è un bravo ragazzo.

– Siamo sempre appesi a un filo che può spezzarsi da un momento all’altro.

– Non credete all’uomo femminista. È solo un espediente per scopare di più.

– Tutti si sentono obbligati a farlo, ma vivere intensamente è un privilegio di pochi.

– I giovani pensano troppo al sesso. Gli anziani lo rimpiangono troppo e finiscono per assumere il Viagra.

– Il darwinista sociale non tiene in considerazione il destino oppure chiamatelo caso.

– La morte è un passaggio oppure non è niente.

– L’io è sempre presente, anche quando sembra assente.

– Tutti si limitano all’apparenza. Pochi ricercano l’essenza: eppure è lì che si rintraccia la vera esistenza.

– Chi dice “non c’è che dire” in realtà avrebbe molto da dire.

– Chi dice “esattamente” spesso nel discorso che segue diventa approssimativo.

– Ci sono uomini talmente illusi che pensano che le loro mogli li abbiano sposati per amore e non per soldi.

– Mi fa specie pensare a quanto si sia evoluta la specie.

– Un tempo l’ignoranza era una condanna senza appello. Oggi spesso è una colpa.

– Come si può avere fiducia negli altri se non abbiamo fiducia in noi?

– Se fossimo immortali allora diventeremmo tutti immorali.

– La vita in sé è senza regole. Sei soltanto tu che devi darti delle regole.

– Talvolta c’è una sorta di presagio nel paesaggio.

– La vera contentezza consiste nell’avere le cose che non si possono comprare.

– Basta avere davvero poco potere per inebriarsi di potere.

– Dopo una bugia ne diciamo subito un’altra. Invece mezza verità basta e avanza.

– Non ricordiamo a colori. Il nostro passato è tutto in bianco e nero.

– È sempre meglio essere troppo viziato che troppo vizioso.

– Sono tante le persone che scatenano la propria follia al volante.

– È progresso quando una cosa ritenuta impossibile diventa possibile.

– Non facciamo il processo alle intenzioni, ma teniamo sempre presente le dichiarazioni di intenti.

– Ci sono artisti e uomini spirituali che sembrano non lavorare e invece stanno da sempre lavorando su loro stessi.

– L’importante è vivere la vita fino in fondo, anche se si è in disaccordo col mondo.

– Nonostante tutto vale la pena vivere sempre più a lungo.

– A onor del vero nessuno sa se il tempo ci cambia e quanto e come ci cambia.

– Bisogna sempre fare attenzione quando usciamo fuori di casa perché il mondo non è un posto affatto sicuro.

– Con l’età diminuiscono gli incontri e aumentano i ricordi.

– La storia potrebbe anche essere maestra di vita. Comunque noi non impareremmo mai la lezione.

– Per la nostra sorte è bene capire che l’umanità, se continua così, non avrà magnifiche sorti.

– Ricordiamoci sempre che i soldi non hanno odore e le stelle non guidano più l’uomo contemporaneo in alcuna direzione.

– Non sempre il silenzio è assenso. Talvolta è mutismo per non controbattere a un controsenso.

– Con l’età se ne vanno capelli, denti, prestanza sessuale e sogni. Che se ne fa uno dell’esperienza e della maturità?

– In pratica in Italia nessuno ha il diritto di avere un lavoro, di trovare un’anima gemella e di farsi una famiglia. Se capita bene. Se non capita bisogna comunque accontentarsi.

– Da giovani si ricerca il piacere. Da maturi più che altro si cerca di evitare il dolore.

– Ognuno dovrebbe ricercare il sesso, il senso della vita e il divino a modo suo.

– Tutti i paradisi terrestri sono solo sia una pura illusione che un’effimera evasione.

– I potenti hanno paura di un popolo pensante.

– I potenti non si preoccupano tanto quando il popolo si lamenta ma quando sempre più persone credono nella democrazia dal basso.

– Questo mondo è sofferenza. Solo chi vive di illusioni può credere diversamente.

– Bisogna conoscere i mali del mondo ma non per questo bisogna sentirsi migliori.

– Tutto il potere finisce sempre in poche mani, in pochi accentratori.

– Nel mondo purtroppo vince la competizione sulla cooperazione.

– La maggioranza dei vip sono narcisisti e qualcuno è anche megalomane.

– Chi non ha fatto niente è stato pusillanime o è innocente.

– Nella vita non si sa mai dove tutto inizia e dove tutto finisce.

– Non ci resta che frequentare ogni giorno la vita fino a quando la morte non ci accerchierà.

– I telegiornali vanno ascoltati per rimanere informati, ma va sempre ricordato che quel che accade nel mondo non sempre interferisce nel nostro mondo e nella nostra vita privata.

– Questo mondo è una immensa sala di attesa. Nessuno sa quale è la sua destinazione.

– Usiamo pure l’espressione “ammazzare il tempo” ma sarà il tempo ad ammazzare noi.

– Ogni tanto bisognerebbe raccogliersi e stare ad ascoltare in perfetta solitudine il silenzio.

– Nessuno arriva mai veramente perché bisogna sempre ripartire, a meno di non essere arrivati al capolinea.

– Pensare significa fallire.

– Solo pochi riescono a fare della propria passione un lavoro e non è detto che siano i migliori.

– Viviamo a prescindere da tutto.

– Nella vita bisogna scampare dai propri vizi e dai propri guai.

– L’importante nella vita è avere le giuste dosi di serotonina e dopamina e ogni tanto qualche picco di adrenalina.

– Non si può piacere a tutti e neanche a nessuno. Salvo eccezioni,  tutti piacciono così e così.

– Si ha un bel dire “ognuno per la sua strada”. E se la strada è una sola e sempre la stessa per tutti ?

– Amare i flashback, i nonsense e le epifanie non significa necessariamente essere un artista.

– Ho visto anime belle fare cose turpi.

– Non si può imparare a vivere. Non si può imparare a morire. Non siamo fatti per imparare ciò. Accontentiamoci di imparare le cose che si possono imparare.

– A forza di parlare di mafia ci dimentichiamo dei punti di forza e delle qualità del Sud. Ricordiamoci anche della Magna Grecia, del barocco e degli intellettuali meridionali.

– Si può godere di tutta la libertà del mondo e nonostante questo essere infelici.

– Se guardi per qualche istante il sole rimani abbacinato. Non fissare mai troppo il sole. È una cosa bella ma tutte le cose belle possono far male.

– Non è mai troppo tardi per ricominciare tutto da capo.

– Non mi piace L’espressione “salvatore della patria”. Non abbiamo bisogno di salvatori e nemmeno di patrie ma di persone che fanno onestamente il proprio mestiere.

– Nella vita bisogna sempre evitare i confronti faccia a faccia con gli imbecilli.

– Nessuno sa per quale motivo è venuto al mondo ma la vita può andare bene lo stesso.

– Eva ha mangiato la mela della conoscenza e del peccato. Caino ha ucciso Abele. Ma perché le loro colpe devono ricadere sull’intera umanità?!??

– Non ho capito perché fisici e religiosi credono che ci sia una unica forza che governa l’universo.

– Il cielo non può essere sempre stellato. A volte le stelle vengono oscurate dalle nuvole. Porta pazienza.

– Talvolta nella vita è come guidare controsole. Talvolta è ancora peggio: è come guidare contromano.

– È sempre difficile stabilire se nella vita si fanno le cose perché ci vanno o per non rovinare l’immagine che gli altri hanno di noi.

– Anche se non trovi quello che cerchi il mondo è comunque un posto interessante.

– Sono gli uomini di affari delle multinazionali che governano il mondo. Sono loro che finanziano i politici e pagano le loro campagne elettorali. Tutto il resto sono balle.

– La cosa triste è che nessuno pensa più di poter cambiare il mondo.

– In Italia non sono solo i politici ad essere corrotti. La politica è solo la punta dell’iceberg.

– A forza di stare al passo con i tempi si finisce con i piedi nella fossa.

– Bisogna sempre andare avanti senza mai fare il passo più lungo della gamba.

– Basta una volta sola per rovinarsi e diventare ladri o assassini. Basta una volta sola e indietro non si torna.

– Le droghe leggere alterano un poco la coscienza, ma slatentizzano disturbi psicologici.

Il cibo e i poeti, la frugalità a tavola di D’Annunzio

Nelle lussuose feste a villa Pamphilj, durante i banchetti nei ricchi palazzi di piazza di Spagna, nei salotti migliori della capitale, mentre tutti si sollazzavano a bere e mangiare, c’era un giovane che se ne stava in disparte. Nulla potevano i manicaretti esotici, né i liquori più costosi: Gabriele D’annunzio non mangiava né beveva. Mentre principi e ambasciatori si riempivano la bocca, vecchie dame e generali sgomitavano per l’ultimo bigné di gamberi, lui, l’abruzzese, faceva un passo indietro. “Fame e sete sono impulsi primitivi ed essenziali nell’uomo come nella bestia”, scriverà poi in un appunto. Già perché lui, cultore di pazzi eccessi, vizi raffinati e piaceri indicibili, aveva, sin da giovanissimo, maturato una ferma repulsione verso il pasteggio pubblico.
«Mi sembra più bestiale e umiliante riempire il triste sacco, rifocillarmi, che abbandonarmi all’orgia più sfrenata e più ingegnosa» Lui, cantore dei sensi, escluse il gusto dal suo ricco vocabolario. O meglio, certo che di piatti e cene abbondano le sue pagine, ma il suo occhio sagace e la sua penna astuta non si sono mai concentrati sui sapori del buon pasto, sulla gioia del riempirsi lo stomaco, quanto, semmai, sul più fine piacere della tavola imbandita con zelo e raffinatezza. Sulle tovaglie arabesche, sui piatti esotici e i profumi ricercati. Mangiare per D’Annunzio era profondamente antiestetico. Riempirsi la bocca, masticare, asciugarsi il bavero, digerire. D’Annunzio era solito mangiare da solo prima di ogni grande ricevimento, riempirsi la pancia in solitudine per poi astenersi dalle grandi scorpacciate conviviali. Regola alla quale restò ligio per tutta la vita. Ad eccezione della sua vita militare. Lì, sedeva paziente, accanto ai suoi commilitoni, pronto a mangiare anche lui, il rancio. Aveva una vera passione per il dolce, occasione in cui traspare anche il piacere di descrivere con la sua penna l’arte del bello nel suo insieme, anche negli aspetti più ricercati. Ne Il piacere l’importanza gastronomica è soprattutto visiva, del dessert. Ma gli alimenti preferiti dal poeta erano di una semplicità disarmante, la frutta e le uova sode.

NAPOLI

Della frutta era certamente un estimatore, dedicando ad essa un ruolo importante nella propria dieta: appassionato di uva, mele ed arance.

Ma la grande passione di D’Annunzio erano le uova, in frittata ma soprattutto sode.

Il suo piatto preferito: uova sode sublimate con salsa d’acciughe, piatto semplice ma non per niente facile, visto che la cara Albina veniva omaggiata per la capacità di portare a perfetta cottura l’uovo prima di dividerlo in quattro spicchi.

“Cara cara Albina,
da tanti e tanti anni non avevo più mangiato l’uovo sodo tagliato in quattro. Questo tuo è cotto con l’ultima perfezione. E’ sublime. Quando ero bambino chiedevo l’ovo spalmato di una leggera salsa di acciughe. Mi leccavo le dita; e qualche volta mi accadeva di inghiottire la prima falange. Stasera ho ritrovato quella divina estasi. Vendo la mia primogenitura per un uovo perfetto come il tuo, sublimato dalla salsa di acciughe. Scivolo sotto la tavola in uno svenimento che nessuna femmina mi farà mai provare. Albina, sii laudata nei secoli dei secoli. E risplendi in eterno nella Costellazione dell’Ovo e nella Nebulosa dell’Acciuga! Amen”

*Davvero un personaggio, il Vate! Amante dei piaceri ma non del cibo o almeno dell’uso eccessivo e dannoso di una cattiva alimentazione. L’esteta supera il buongustaio ma anche lui aveva le sue debolezze …l’uovo sodo della sua cara Albina!

Una poesia dedicata alla festa dei nonni

È la festa dei nonni!

Immagine del web

È la festa dei nonni.

Le labbra non si baciano come quando si pronuncia mamma.
È al cuore della “nonna” e del “nonno” che arrivano i baci e le carezze
quando il nipotino chiama i pilastri della famiglia
e, attratti come calamita,
ne percepiscono le vibrazioni
dalle radici del passato al giorno presente
che straripa di sentimenti,
inspiegabilmente sempre nuovi,
rinnovati dal profondo mistero della vita.
Sorridono gli occhi!
I legami di sangue per secoli
passano dai genitori ai figli ai padri,
indissolubili perché sono guidati dall’insostituibile oceano dell’amore.

Elisa Mascia 2-10-2022

http://nonsolopoesiarte.art.blog/2022/10/03/una-poesia-dedicata-ai-nonni/

https://www.alidicarta.it/leggi.asp?testo=310202211481674

Domenico di Carolina Almerighi

Quando scrive, lo fa bene

almerighi

Carolina Almerighi, detta Kerol, è nata a Faenza nel 1996, ogni tanto scrive.

Splenda sempre
è così forte
non può spegnersi
splenda sempre
come quella nota mai raggiunta
come quella donna mai incontrata
splenda sempre
lo puoi sentire
dentro quel profumo di maggio
dentro quel tramonto al gusto porpora
splenda sempre
attraverso ogni fiume
torna acqua
acqua, per dissetare ferite mai guarite.
Torna luce
luce, splenda sempre.
Dentro lei, splenda sempre.
Tornerà cresciuta
bella, come non l’hai mai vista.
Vuole tagliarsi i capelli, ma non ha mai tempo.
Oggi non le va di uscire, ma la puoi trovare dentro scarpe scomode tutti i giorni
tornerà rosa come quell’estate al mare
tornerà ad amare se stessa ogni giorno
sarà fuoco e tornerà aria
respira, ora puoi riposarti
in un luogo della natura
ovunque possa vederti splendere.
.
Splenderà sempre.
*

View original post

Angelo triste

Spesso anche gli angeli sono sopraffatti dall’amarezza del mondo e perdono le ali, restano legati alla terra perché non hanno più la forza di guardare al cielo.

Angelo con l’anima lieve
cammini su questa terra
perché un giorno sei caduto.
Hai visto questa terra martoriata,
troppe lacrime ti hanno
trattenuto e l’amore
ti ha tolto le ali, non puoi
più spiccare il volo.
Angelo triste
ti dibatti fra i dubbi
e le ingiustizie
e guardi il cielo da lontano
come un esiliato che sogna casa.
Angelo smarrito
non puoi fare miracoli
questo non è il paradiso
puoi solo piangere con noi.

Imma Paradiso

Elettra di Gian Carlo Fanori (Giovane Holden Edizioni)

Elettra di Gian Carlo Fanori (Giovane Holden Edizioni)

SU  DA NADIA ARNICE AUTRICE

“QUELLI CHE MI LEGAVANO AI MIEI TERRITORI ERANO SENTIMENTI FORTI, MA IL MIO DESIDERIO DI FARE LA GIORNALISTA LO ERA ANCORA DI PIÙ. SAPERE CHE AVREI SOFFERTO PER LA MANCANZA DEI MIEI AFFETTI NON MI AVREBBE TRATTENUTA, COSÌ COME SAPERE MI ATTENDEVA UNA VITA SPARTANA. SOTTO IL PROFILO ECONOMICO LA PROPOSTA DI STILE&SOCIETÀ NON ERA CERTO DELLE MIGLIORI, E NON MI SFUGGIVA CHE AVREI DOVUTO SUDARE SETTE CAMICIE PER FARMI BASTARE L’ESIGUO STIPENDIO PREVISTO. GRAZIE A DIO AVEVO DA PARTE UN PO’ DI SOLDI, ACCUMULATI A FURIA DI DARE LEZIONI PRIVATE E NEI MESI DI INSEGNAMENTO, E IN QUALCHE MODO… IN QUALCHE MODO CE L’AVREI FATTA.”

Elettra è una giovane donna bellissima, colta e intelligente. Determinata a diventare giornalista, dopo gli studi e un tirocinio presso una testata di provincia, entra nello staff di una celebre rivista patinata diretta dall’ambiguo Luciano Schiavo. Per adeguarsi ai ritmi del nuovo lavoro si trasferisce a Milano lasciandosi alle spalle senza troppi rimpianti un incarico da insegnante. Più complessa la sua situazione sentimentale: un fidanzato perfetto abbandonato in favore di un amante innamorato della sua ex, da cui a sua volta è stata abbandonata.
L’avvenenza di Elettra, che spesso l’ha favorita, a volte si rivela un peso insostenibile. In particolare, quando il suo nuovo capo la fa oggetto di molestie sessuali.
Che fare? Denunciarlo o tentare di dimenticare e ricominciare ancora una volta? E soprattutto, quante volte si può trovare la forza per ricominciare?
Gian Carlo Fanori esplora con audacia la psicologia di una giovane donna in carriera costretta a fare i conti non solo con un mondo professionale in cui le attenzioni morbose del capo hanno scarsa possibilità di essere sanzionate, ma anche con se stessa e le proprie ambizioni.

RECENSIONE

Oggi voglio parlarvi del libro: “Elettra” di Gian Carlo Fanori. Una storia che ho apprezzato moltissimo.

Elettra è una giovane donna bellissima, colta e intelligente. Determinata a diventare giornalista, dopo gli studi e un tirocinio presso una testata di provincia, entra nello staff di una celebre rivista patinata diretta dall’ambiguo Luciano Schiavo. L’avvenenza di Elettra, che spesso l’ha favorita, a volte si rivela un peso insostenibile. In particolare, quando il suo nuovo capo la fa oggetto di molestie sessuali.

Un libro che rispecchia la vita di quasi tutte le donne giovani. L’autore racconta la storia di Elettra con enfasi e passione. La protagonista una donna comune con ambizioni lavorative che desidera ardentemente diventare una giornalista, ma è anche una giovane normale alla ricerca dell’amore eterno. Tuttavia, il mondo professionale è un abisso innavigabile per Elettra e la ricerca dell’amore perfetto è infruttuoso. Una contrapposizione di sentimenti ed emozioni si susseguono in tutto il romanzo, rendendolo appassionante e intrigante. 

Gian Carlo Fanori nel suo libro tocca anche un tema importante che spesso viene sottovalutato: le molestie sessuali sul lavoro. Purtroppo questo argomento è ancora tabù nella nostra società; sono moltissime le donne che subiscono violenza psicologica e fisica da parte dei loro capi per ottenere dei previlegi. Tristemente chi non acconsente alle proposte scabrose spesso viene licenziato o degradato a mansioni di poco conto. Le poche donne che hanno il coraggio di denunciare non vengono credute o non hanno prove a sufficienza per sostenere un processo. Un tarlo difficile da estirpare nella nostra realtà. 

Complimenti all’autore per aver colto in tutta la sua bellezza e nella sua difficoltà il personaggio di Elettra. Fanori manda un messaggio forte al lettore: “Tutte le donne meritano rispetto, anche sul posto di lavoro!”

PUNTEGGIO 5/5

GIAN CARLO FANORI 

Nato a Recco (Ge) nel 1954, dopo la maturità classica ha conseguito a Pavia la Laurea in Lettere Moderne. Giornalista pubblicista dal 1997, ha collaborato con La Provincia Pavese, Italia Oggi, Il Sole 24 ore e il mensile Monsieur. Si è occupato di comunicazione e risorse umane per alcune imprese industriali e edi servizi. 

Ha pubblicato, per Italic Pequod: Candidato al successo, 2012, Premio Milano International 2019 e Premio Città di Pontremoli 2020; Vero nella notte, 2015, Premio Città di Cattolica 2019; Oltre il successo, 2018.

Dettagli prodotto

‘A MOSCA (vernacolo), di Silvia De Angelis

So’ già tre giri che te stai a fa’

e manco tondi, piccolo ’nsetto nero

pe’ potè da’ ‘na slinguazzata

a sto’ dorce che me sollazza er palato

drento ‘n giorno sdrucinato

Eh si, che te solletica l’idea

de ‘na magnata leccorniosa

dopo avè sostato

su li peggio escrementi der vicinato

Ma nun te la do vinta

e co’ ‘n morzo ‘mprovviso

faccio sparì l’urtimo granello de ‘sta golosità

pe’ fatte capì che er monno tuo

è solo quello d’a sporcizzia

e  nun si degna

che ‘na briciola quarziasi te sfiori

li baffi aricciati dar fetore

@Silvia De Angelis 

LA MOSCA (traduzione)

E’ già il terzo giro che fai

e ne anche tondo, piccolo insetto nero

per poter dare una leccata

a questo dolce che mi accarezza il palato

in un giorno qualsiasi

Eh si che ti solletica l’idea

di una mangiata golosa

dopo aver sostato

 su i peggio escrementi del vicinato

Ma non te la do vinta

e con un morso improvviso

faccio sparire l’ultimo granello del dolce

per farti capire che il mondo tuo

è solo quello della sporcizia

e non sei ne anche degna

che una briciola  qualsiasi sfiori

i tuoi baffi arricciati dal fetore