Una poesia di Simone Cattaneo

Alla sua cara memoria

almerighi

Simone Cattaneo poeta (1974 – 2009)

Rigiro fra le mani il vostro fetido cuore
che forse è anche mio.
Mi candido per questo sale.
Che ne sapete del vetro mantide
e in generale che ne sapete degli altri.
Nel mentre i condòmini ciarlano
a tratti con foga e qualcuno
precipita con il mozzicone
dal terrazzo. I volti blu
saranno succhiati dalla sera
all’incrocio dei permessi disattesi
dell’ombra per il troppo temporale.
C’illudiamo di essere parlanti e scriventi.
Così invece anche oggi
abbiamo massacrato la domenica.

*

View original post

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...