Racconti: Benvenuti in Europa, di Guido Mazzolini

Benvenuti in Europa, vecchia megera sfiorita ancor prima di sbocciare, matrona in declino, Europa del soldo che divora l’ideale e rende estranei gli europei. Collasso demografico, crollo delle identità, crisi della giustizia e del lavoro, diritti messi da parte, quegli stessi diritti che un tempo avevano orientato la nascita dell’Europa e oggi vengono sostituiti da capricci ideologici.

Così lontana dall’Europa di De Gasperi, da chi immaginava un abbraccio di popoli e idee, oggi diventata Europa della disuguaglianza, burocratica, oligarchica, piena di balzelli e carte bollate. Come sempre la storia ha fatto cadere la maschera, la regina è nuda e si mostra per quello che è.

Sovrana ma serva, marionetta nelle mani dei poteri forti, spettatrice passiva e incapace di reagire all’involuzione della storia, costretta tra Russia e America, suddita pronta a giacere davanti al potere e al potente.

Bisognerebbe pensare al bene comune, bisognerebbe essere coesi e non divisi, sognatori e mai ideologici. Utopie forse irraggiungibili, ma se non faremo questo salto di qualità – e se non lo faremo in fretta – ci aspetta soltanto l’estinzione.

Leggi anche: https://alessandriaonline.com/

Leggi anche: https://alessandria.today/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...