Libri: Cinquanta modi per dire pioggia, di Asha Lemmie

(recensione di Benedetta Giannoni)

Cinquanta modi per dire pioggia

Asha Lemmie

Sono nata viaggiatrice. Nel tempo e nello spazio.

Leggo per colmare questa necessità.

In Oriente per esempio, chissà se potrò mai andarci?

Cinquanta modi per dire pioggia mi ha portato in un Giappone di circa settanta anni fa.

La trama probabilmente la conoscete, perché tanto se ne è parlato nel Gruppo. È la storia di una bambina considerata da tutti “bastarda” , perché nata da una relazione extraconiugale tra una giapponese ed un americano . Un giorno la piccola Nori viene abbandonata dalla mamma davanti alla casa dei nonni. La famiglia materna, di sangue imperiale, ricca e potente, non accetta questa bambina, che rappresenta un’onta per il loro rango ed un ostacolo ai loro piani.

Da questo momento Nori è destinata ad una vita di dolore, di sofferenze e crudeltà, ma anche di coraggio e di amore.

Quando mi immergo nella lettura di un libro, bello come questo, è sempre uno strano impatto rientrare nella realtà quotidiana. A volte mi sono sentita così “dentro” la storia che non mi sarei stupita se avessi visto passare qualcuno con il kimono nel mio salotto.

Lo consiglio a tutti quelli che al solo leggere della cerimonia del tè, sentono scorrere il liquido caldo dal bollitore alle tazze e avvertono l’aroma diffondersi nella stanza.

https://www.facebook.com/groups/523172937735959

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...