Appunti di vita e Canterò di te: i libri di Giovanni Ciao, guaritore del corpo e dell’anima. 3° parte

Appunti di vita e Canterò di te: i libri di Giovanni Ciao, guaritore del corpo e dell’anima. 3° parte.

Date: 7 ottobre 2022Author: irisgdm0 Commenti— Modifica

Articolo di Marina Donnarumma Iris G. DM. Roma 7 ottobre 2022

Giovanni Ciao e il suo editore Jean Luc Bertone

AUTUNNO

Sai quanto io ami l’estate

Le stelle cadenti sui nostri pensieri

le corse sui prati

quell’ombra benevola

della quercia materna e la calma

ammaliante dell’immobile stagno

Poi la sabbia salata

le nostre orme di amanti

Gendarmi indulgenti in coppia

in fila ed in marcia

fianco a fianco nel lento passare del tempo

Ma quando le foglie

ci vanno plagiando e ci indugiano indosso

e la complice nebbia ci confonde i profili

Ma quando il respiro si unisce

in un fiato fumoso e voglioso

E quando ti guardo le mani

amico discreto un miope lampione

Vorrei che l’autunno

ci facesse da padre

per benedire anche ora

i nostri abbracci notturni

Vorrei che l’ottobre

riuscisse a sopirci

in un mite letargo tra licheni e radici

E dolce sarà l’aspettarci

alla fine del bosco

nel nuovo iniziare

della lieta stagione

________________________

© Giovanni Ciao

(Art. Pascal Campion)

Io mi innamoro delle parole, sono loro che giungono a me, io allora mi lascio avvolgere dalla loro magia. Cosi che ho incontrato lo scrittore Giovanni Ciao, medico nefrologo, che cura il corpo e l’anima. Le parole delle sue poesie brillano di luce propria, lui stesso dice” scrivo poesie non per vivere, ma per sopravvivere” Scritti nati da esperienze di vita molto forti a cui ci si aggrappa come fulcro per raggiungere un certo equilibrio
Sono versi intensi, intrinsechi, che si aggrappano all’anima, che si arrampicano, cercando vette più alte, più difficili, perchè se ne va della nostra vita. Tutto ciò Giovanni Ciao lo capisce benissimo, lui che sull’altalena della vita ci sta in prima persona, in un alternarsi tra la vita e la morte, che, lui , spesso, per via del suo lavoro, accompagna. Cosa è la vita? Noi siamo in questa terra provvisori, vicini o distanti alla morte. Spesso la sfioriamo e neanche ne siamo consci. Giovanni un uomo, un medico, uno scrittore, figure ugualmente intense ed innamorate, in una fusione superba, lui innamorato dell’amore, di cui scrive intensamente, con passione.
Nelle sue poesie d’amore, ci si sofferma particolarmente, perchè non sono solo ispirate, ma dedicate ad una donna, cioè sua moglie Paola. Padre, marito, medico amorevole, amante della lirica che canta con la stessa intensità della sua vita.
In un mondo come questo potremmo pensare che sia una figura aliena, eh no! In questo caso siamo noi, gli alieni! Coltivare i rapporti dovrebbe essere compito di ciascuno di noi, un impegno gravoso, ma che ci ripaga circondandoci di amore. L’amore non si dice, l’amore si fa e Giovanni Ciao, lo coltiva con i pazienti, con la famiglia, con ogni persona. Un mito? Sicuramente lo è, nell’aridità dei sentimenti lui è l’oasi, il sollievo con l’esempio della sua vita, con le azioni e con i suoi versi. Leggere Giovanni Ciao ti arricchisce dentro, lui è l’amico che vorresti avere vicino, che vorresti ascoltare, in questo caso che devi leggere, leggere per capire quanto sia profondo. Una intensità, una profondità che sicuramente è frutto del suo lavoro, ma di lui, persona estremamente sensibile, che ha conservato la sua umanità, che non ha fatto del suo lavoro un abitudine, ma un esperienza metafisica. Molti medici dimenticano l’umanità, freddi, distanti, poco disponibili, arroganti, bruschi, in malattie che invece ne hanno bisogno di tanta, tanta umanità. Lui l’umanità non la dimentica, la scrive, la vive, la dona. Cosa dire ancora di questo scrittore straordinario? Leggetelo, amate ciò che scrive, ciò che dona a tutti noi, in un mondo cosi ostile, desertificato di sentimenti, di emozioni.
” Sono un medico. Ma non solo. Ho bisogno di esprimermi e condividere il mio sentire. Mi fa stare bene. Giovanni Ciao ”

APPUNTI DI VITA – Bertoni Editore – 2017
È la prima raccolta pubblicata dell’Autore. Qui si racconta attraverso la poesia l’attenzione alla
famiglia, alla natura e alle piccole cose quotidiane, sentimenti così fortemente trasmessi dai suoi
genitori.
Si tratta di una sorta di album fotografico, dove sono presenti non scatti preparati in studio, ma
istantanee, immagini in versi di ciò che circonda l’Autore e da lui più amato, con forti richiami al suo
spirito mediterraneo.
Un viaggio, quasi, a visitare le stanze del proprio sentire, le più nascoste, di cui l’Autore fornisce
generosamente la chiave.
Lo stile espressivo è evidentemente classico, con ricordi della letteratura dei primi dello scorso
secolo.

E CANTERÒ DI TE – Bertoni Editore – 2020
La seconda pubblicazione dell’Autore. Raccoglie poesie dedicate alla Donna. Donne, madri, figlie,
compagne…l’esaltazione della femminilità. In questa raccolta l’Autore pone su un amorevole
piedistallo la Donna nel suo universale valore, con particolare attenzione alle donne che più gli sono
quotidianamente accanto.
Ma l’intento travalica la domesticità raccontando anche di tempi e spazi distanti dall’entourage più
prossimo all’Autore, narrando così anche di realtà femminili purtroppo condivisibili in tutte le
società ed epoche culturali.

“Mio padre era un bell’uomo

Lo sguardo era chiaro

anche quando a volte guardava altrove

Aveva mani grandi

con dita nodose

Poco abituate alle carezze

Sapeva parlare quello che bastava

Ascoltava molto, in silenzio

anche le parole ingiuste

Mio padre era un brav’uomo

Non l’ho mai sentito bestemmiare

Una sera l’ho visto piangere

mentre teneva la mano a mia madre

Ho avuto poco tempo con mio padre

Ho avuto poco del suo tempo

Forse ancora meno ne ha avuto per lui

Ricordo molto di mio padre

Quello che mi ha insegnato

Quello che mi ha dato

e ogni cosa che mi ha negato

Di più ricordo il suo sorriso

Le cose che accadono di rado

sono le più belle e non si dimenticano

Mai”

_______________________

© Giovanni Ciao

(Art. Peter Lupkin)

I ragazzi di una quinta della Scuola Primaria dell’Alto Casertano torneranno a casa, abbraccerano i loro nonni e reciteranno loro una poesia

Non una di quelle presenti nei libri di testo, nelle antologie con i Poeti, quelli veri

Ma un semplice scritto, un pensiero di un perfetto sconosciuto: Giovanni Ciao …

Penso a questi ragazzi che dicono a memoria quello che ho scritto per una persona anziana

Ed è un’immagine che mi emoziona

Mi riempie di gioia. E di umile orgoglio

Un caro grazie alla Maestra Nicolina, per aver pensato a me e consegnato il mio sentire agli occhi e al cuore di questi ragazzi distanti da me centinaia di chilometri e ora a me così tanto vicini

E un abbraccio a tutti i Nonni e non, comunque nostre sorelle e fratelli anziani

_____________________________

COS’ALTRO DEBBO DIRTI

Cos’altro debbo dirti

figlio

che non ti racconteranno i giorni

Ora che anche i ciliegi perderanno

foglie

e i rami imbiancheranno negli inverni

Ma essi avranno a sé altre stagioni

e torneranno a rivedere i frutti

Mentre le mie radici non tarderanno

a rallentarne il passo

Se le ore un giorno ti saranno

lievi

non esitare a cedere alla memoria

Torna a pensare a questo albero

che ti era ombra sotto il sole

riparo dalla pioggia e appiglio

contro i venti opposti

E avrai giorni nuovi da raccontare

figlio

a gemme novelle e tiepide primavere

________________________

© Giovanni Ciao

“Ma tu hai mai amato?

Dico, hai mai donato l’Amore

quello vero?

Hai mai detto ti prego, mi dispiace

Hai mai pianto senza vergogna tra le sue mani?

Hai mai chiesto scusa

e baciato talmente forte le sue lacrime

da farle evaporare tra le tue?

Ti è mai capitato di fare l’Amore

con le sue parole, con tutte quelle che ha taciuto

Con i suoi sogni, con i suoi vorrei

Hai mai pensato al vostro futuro

piuttosto che al tuo domani?

L’Amore, quello serio

quello che si denuda dentro

senza nessun timore

Quello che si straccia via le vesti

dell’orgoglio senza alcun pudore

Tu l’hai mai vissuto?

Io l’ho fatto, tanti anni fa

O forse era solo ieri

E spesso al tramonto sorridendoci ne parliamo ancora

Mentre zitti insieme ci specchiamo

nei nostri sguardi stanchi

In un’altra sera di questa generosa estate

prima che un altro inverno le tempie ci scolora”

___________________

©️✒Giovanni Ciao

(Art.🖌Pascal Campion)

Un poeta rimane comunque una donna o un uomo, con i propri limiti legati all’essere umano. Non me la sentirei mai di idolatrare un poeta solo perché scrive cose “belle”. Dico solo che il vero poeta esprime sentimenti (ch’essi siano di rabbia, d’amore, di compassione, di ribellione o quant’altro) che sono realmente sentiti, anche se poi, per i propri limiti appunto, non sempre vengono messi in pratica. Giovanni Ciao.

Giovanni Ciao

Penso che il vero valore di chi scrive poesia sia quello di trasmettere un sentimento condivisibile, che possa poi far “nascere” in chi legge un sentimento analogo. Qui, secondo me, sta lo spirito della poesia: la parola che fa (ri)nascere. Giovanni Ciao

Tutto questo ed ancora, è Giovanni Ciao. Persona di grande spessore e umanità, le sue parole ci entrano di getto, una sorsata di acqua fresca e rigenerante.

Giovanni Ciao Scrittore: guaritore del corpo e dell’anima. 1° parte https://alessandria.today/2022/10/04/giovanni-ciao-scrittore-guaritore-del-corpo-e-dellanima-1-parte/

https://www.facebook.com/diGiovanniCiao. Versi Dispari – Pensieri di Giovanni Ciao

L’ intervista, Giovanni Ciao scrittore: guaritore del corpo e dell’anima 2° parte https://alessandria.today/2022/10/05/l-intervista-giovanni-ciao-scrittore-guaritore-del-corpo-e-dellanima-2-parte/

Articolo di Marina Donnarumma iris G. DM. Roma 7 ottobre 2022

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...