“Una gabbia andó in cerca di un uccello”, Antonino Salsone

“Una gabbia andó in cerca di un uccello”

La frase che dà il titolo a questa breve riflessione è un aforisma che Franz Kafka scrisse tra il settembre 1917 e l’aprile 1918.

L’aforisma, oscillante tra i due poli dell’apodittico e dell’enigma, sembra possedere la lievità di un koan buddista.

Forse l’Autore ha voluto consegnarci un insieme di parole che vanno oltre il loro significato letterale e logico-sistemico, che costituiscono un vero e proprio simbolo da studiare e introitare nell’Io di ognuno. E il simbolo non ha una sola faccia, ma molte, spesso innumerevoli, forse infinite.

Io, nel simbolico aforisma kafkiano, vedo il tentativo dell’uomo bruto, del tiranno (che è la gabbia), di imprigionare la libertà, la quale è rappresentata dall’uccello, l’animale libero per eccellenza perchè vola sopra ogni altro animale di terra e d’acqua.

Gli uomini liberi alzano gli occhi al cielo per pregare, per ispirarsi, per riflettere, per ammirare l’infinito, per trovare la via, per volare verso lo spirito. Invece, i bruti, cioè coloro che hanno gli arti inferiori radicati nel fango della cattiveria e del bisogno materiale, unici loro dei, hanno un solo modo per perpetuare loro stessi o far perpetuare i loro simili: tarpare le ali all’uccello, costringerlo a scendere verso il basso per imprigionarlo o, nel peggiore dei casi, per assimilarlo e farlo divenire bruto.

E allora, per salvarsi l’uccello deve volare in alto, molto in alto, laddove gli uomini bruti non riescono neppure a guardare perchè i loro occhi sono miopi. E deve volare in stormo con gli altri uccelli perchè la gabbia, che è prigione per uno solo, subisce lo sgretolamento inesorabile delle pareti se si è in tanti.

Penso dunque che il grande scrittore boemo abbia voluto insegnare all’uomo libero di volare alto, altissimo, e di farlo assieme agli altri suoi simili. E di non avere paura della tirannia, ma di combatterla.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...