GLI INNAMORATI DI SANTA LUCIA, Romano Vola

GLI INNAMORATI DI SANTA LUCIA

C’era una casa abitata

una volta

con pavimenti, tende e pareti

sempre pulite,

e i prati intorno finemente falciati.

Il balcone era gremito di piante

che fiorivano tutta l’estate

e in mezzo a quei fiori loro sedevano

la sera, a raccontarsi la giornata,

qualche volta anche a fare l’amore.

Lui beveva il vino della sua vigna

lei acqua e limone o carcadè,

intanto si facevano scorrere sulla pelle

la luna, il cielo e le stelle.

Gli uccelli intorno

e i canti dalle colline e dalla vallata

facevano loro la serenata:

a chiunque chiedesse loro del paradiso,

rispondevano che l’avevano già trovato.

E adesso sicuramente vi sono,

ma la loro casa linda e ordinata

è sommersa dai rovi,

il balcone è sguarnito

e le finestre tutte velate dai ragni.

Tuttavia in qualche sera d’estate

ancora qualcosa vi brilla

e un canto da lontano proviene.

Solo bisogna avvicinarla molto piano,

perché il loro amore totale e immortale,

lo si può avvertire solo nel silenzio assoluto.

©errevi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...