Lucia Triolo: la guardia

in quel viso nessuno si lascia andare
nulla chiede
perdono

non lo chiedono gli occhi e le bianche
disperazioni del vagare sotto le palpebre
né le orecchie ferite dal suono
di leggende infantili

non lo chiede la linea del naso scattante
come un gatto all’assalto
e nemmeno le labbra
crollate sul mento
per quel che avevamo deciso
tra i denti
e non volevamo
comunicare a nessuno

non lo chiede la fronte da cui
si fuggiva sempre a gambe levate

una volta era venuto
un perdono
aveva abbassato per un attimo la guardia
su tutto quel terrore
chiedendo di non burlarsi
l’uno dell’altro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...