So bene che ti parlo, di Iris G.DM

So bene che ti parlo,

ti parlo di morte,

e mi domando se domani, chissà!

E’ il giorno delle campane, delle rondini bizzarre,

delle grida stridule dei gabbiani,

per uno di loro, che sta per morire,

non lo possono salvare!

I pescatori rappezzano le reti,

sono vecchi,

e questo ancora sanno fare,

dureranno con ago e spago!

Il mio delitto è di essermi assassinata ogni giorno,

la mia casa è sotto il cielo,

ha fondamenta di coralli.

So bene che parlo di morte,

fa parte della mia vita,

i miei sudari sono colorati,

ma sentili quei violini che suonano!

Quelle bizzarre rondini,

come un cesto di fiori la mia testa,

il mio cuore,

quante farfalle ci volano! Iris G. DM

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...