Una grande donna che piaceva alle donne ci lascia :l’8 settembre muore la regina Elisabetta II e il mondo intero la piange,Gabriella Paci

La regina Elisabetta è morta: London bridge is down è la frase per annunciarne la dipartita ed è vero :il ponte di Londra è crollato e lei è stata il ponte che ha congiunto,da Londra, ben quattordici paesi e non solo.

Sempre più piccola e fragile,specie dopo la perdita dell’amato marito Filippo, l’abbiamo vista quasi accartocciarsi su se stessa e tuttavia fiera come deve essere una regina,si è eretta fino all’ultimo per onorare il suo ruolo.

Un ruolo che ha portato avanti con fierezza e senza cedimenti apparenti  per ben 70 anni

superando controversie e problemi non solo socio-politici ma anche familiari. Nulla è mai trapelato dal suo dolce sorriso del dolore personale familiare né delle difficoltà incontrate nella gestione del suo ruolo governativo.

 Il mondo intero, attraverso i suoi capi di stato, riconosce il grande ruolo svolto da questa regina,donna che aveva conquistato la simpatia e l’ammirazione anche delle donne ,che vedevano in lei l’esempio della donna capace di avere un felice vita affettiva e un pesante ruolo politico.

Il regno

Era il giugno del 1953 e lei aveva solo 26 anni quando si trovò ad essere incoronata nell’abbazia di Westmister e a dover governare 150 milioni di sudditi nel mondo.

Incrollabili  nel tempo da allora il suo rigore e la sua eleganza,anche formale,con i suoi irrinunciabile tailleur cole pastello e i suoi cinquemila cappelli, e il suo modo garbato e deciso di relazionarsi.

Fece il suo primo annuncio pubblico a 13 anni, alla BBc quand imperversava la 2 guerra mondiale, per rassicurare i suoi coetanei e non solo.

Nel 1945 a fece la sua prima apparizione pubblica alle Granadier Guards,dell quali era diventata colonnello nel 1944.

A soli 18 anni era “Consigliere di Stato”ruolo per cui  avrebbe potuto sostituire il padre in caso di morte o incapacità A 22 anni sposò l’amore della sua vita ,Il principe greco Filippo dal quale ebbe Carlo,Anna, Andrea ed Edoardo.

Fu la prima regina a visitare un paese comunista come la Jugoslavia e,più tardi, la Cina .

Nel 1977 ha festeggiato i 25 anni di regno con il “giubileo d’argento e quest’anno quello di platino per i suoi settant’anni di regno,dopo aver contratto il covid che l’ha duramente provata e l’ha definitivamente indebolita.

La Brexit del 2019 con l’uscita della Gran Bretagna dall’unione Europea non le era piaciuta poiché riteneva che i valori e le risorse comuni all’Europa fossero un beneficio anche per il suo paese.

La vita affettiva

La scomparsa,25 anni fa della moglie del primogenito Carlo,Lady Dina ,in un incidente che continua a alimentare illazioni e dubbi, fu e resta un capitolo nero per Elisabetta II ma è stata la morte della sua migliore amica un forte dolore e quella dell’amatissimo Filippo nel 2021 un lutto inconsolabile .Eppure ha continuato a fare il suo dovere, sorridente ed affabile come sempre, fino a due giorni prima della sua morte,quando ha incontrato la nuova premier.

Gli ultimi due anni l’hanno comunque indebolita anche nel morale: tra le implicazioni del figlio minore Andrea nell’affare Epstein, la “fuga” del nipote prediletto Harry in America e le accuse di razzismo mosse nei confronti della sua famiglia

Ma la granitica sovrana è andata avanti nonostante tutto – l’età, il dolore di vedere la famiglia divisa, le pressioni perché abdicasse a favore di un figlio che invecchiava nell’infinita attesa della corona – perfino con il sorriso sulle labbra.

Sembra che solo una brutta caduta abbia segnato la fine dell’inossidabile Elisabetta che comunque, resterà nella storia e nella nostra memoria .

Ecco una poesia che la rappresenta:

Un impareggiabile  sorriso

Dicono che l’anima s’invola quando

comprende  che è giunta per lei l’ ora…

Piange allora il cielo di Londra  quando

capisce che il “London bridge is down”

che s’è spento  oramai l’impareggiabile sorriso

di una piccola regina che da sempre è stata

guida e riferimento e che ha mostrato

come non si deve mai del tutto disperare

perché la barca in mezzo al mare trova

un approdo e si può salvare nel fortunale

e che  alla speranza si deve appellare.

Lei ha affidato alle nuvole i suoi dolori

coprendo i suoi lividi con i colori

d’un impareggiabile sorriso che era

arcobaleno dopo i temporali della vita

mentre  con la mano scriveva la storia.

Solo il tempo ha potuto spengere

Il suo essere faro a segnare la rotta

di  inquieti naviganti nell’oceano

delle contraddizioni e delle controversie.

un recente scatto della regina Elisabetta II

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...