La «Filastrocca del sole e dell’estate» di Mimmo Mòllica

La «Filastrocca del sole e dell’estate» di Mimmo Mòllica

La «Filastrocca del sole e dell’estate» di Mimmo Mòllica celebra il sole, simbolo delle belle giornate, il re più incontrastato dell’estate. La filastrocca trae spunto da un aforisma molto diffuso nel web e sui social, una frase attribuita a Dante Alighieri, sulla cui autenticità i dubbi si sprecano. 

«Filastrocca del sole e dell’estate»

Tre cose ci ha donato il Paradiso,

le stelle, i fiori e i bimbi col sorriso,

sembrano poche e invece sono tante,

e poi c’è il sole, la stella raggiante.

Poi c’è l’estate con le vacanze e il mare,

le avventure e gli amici per giocare, 

e le cicale che cantano già a sera,

col loro verso, per una notte intera.

E l’ombra che ci segue sempre accanto

e ci dà il fresco quando il caldo è tanto,

e l’acqua chiara da bere con le mani

lungo il ruscello, coi suoi suoni umani.

E poi la spiaggia, il sole sulla pelle, 

la notte, con la luna e con le stelle;

il venticello rinfresca le serate,

e la chitarra, gli amici e le cantate.

Torna al mattino poi il sole spavaldo

che splende sempre, lui non ha mai caldo,

è il simbolo delle belle giornate,

il re più incontrastato dell’estate.

Mimmo Mòllica

Dammi tre parole: sole, estate, cuore

“Tre cose ci ha lasciato il paradiso: le stelle, i fiori e i bambini”. Circola sui siti di aforismi e sui social tale frase, attribuita a Dante Alighieri, sulla cui autenticità i dubbi si sprecano. La frase attribuita a Dante circola nel web da un decennio. Persino nel corso di trasmissioni televisive nazionali è stata citata e attribuita al Sommo Poeta, senza però indicare l’opera dalla quale sarebbe tratta.

La stessa frase (o quasi) viene riportata nel web in lingua inglese: “Three things remain with us from paradise: stars at night, flowers during the day and the eyes of children” (Tre cose ci rimangono del paradiso: le stelle di notte, i fiori di giorno e gli occhi dei bambini). Ma niente che possa ricondursi a Dante Alighieri, alla Divina Commedia, alle Epistole o ad altra sua opera. 

E allora approfittiamo per ringraziare il Paradiso delle cose che ci ha lasciato, oltre alle tre citate: il sole raggiante, l’estate, il mare, gli amici, le cicale, l’ombra, il fresco e l’acqua del ruscello. E un cuore per amare. Approfittiamo per ringraziare il cielo e celebrare l’estate e il sole, simbolo delle belle giornate, il re più incontrastato dell’estate.

______________

Illustrazione di OpenClipart-Vectors da Pixabay 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...