Il colore della poesia

Sovrapposte torri di ghiaccio,

bianche, azzurrine,

pagine che si aprono,

sollevano alfabeti di nuvole,

respiri lattiginosi

aprono calici di magnolie,

carnose foglie verdi, ombrose,

per me, che non sono nata

nel fresco profumo d’estate,

ma nel tempo della vendemmia

e dei mosti ribollenti.

Per me che non conosco l’oblio dei sensi

e che mi rattristo, quando non vedo il sole,

le turgide viole. Iris G. DM

Potrebbe essere un contenuto artistico

Marina Donnarumma Iris G. DM

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...