Napoli. La Certosa di San Martino 

foto. Stefania Lava

Napoli. La Certosa di San Martino 

Il museo Barocco della città 

Napoli, la città più popolosa d’Italia e dell’Impero Spagnolo, nel Seicento vide momenti difficili che tuttavia non fermarono lo sviluppo del Barocco nel complesso del suo tessuto urbano, architettonico e culturale

L’eruzione del Vesuvio (1631), la rivolta di Masaniello (1647), e la grande pestilenza (1656), passarono senza intaccare il fasto e il lusso estremo di un’aristocrazia cittadina noncurante della massa disperata di poveri ridotti a vivere ai margini della società.
Il Regno di Napoli prevedeva allora un Viceré in carica per soli tre anni, pochi per prendere decisioni impegnative sul territorio urbano, e in più, la densità abitativa del centro, cresceva vertiginosamente causa un decreto che impediva di abitare fuori le mura per motivi di controllo sociale. 

Pertanto, i palazzi seicenteschi di Napoli crescevano in verticale nei stretti vicoli, spesso come schermi, facciate che nascondevano dietro vecchie edifici

Solo i grandi ordini religiosi, riuscirono ad aprire varchi nel tessuto urbano, creando le piazze e i luoghi di ritrovo della vita sociale; e tra gesuiti, teatini, certosini e oratoriani, gli spazi del sacro si infittirono in monasteri, chiese, conventi, ospizi e chiostri, sia maschili, sia femminili. 

Ulteriori dettagli su:

https://www.raiscuola.rai.it/storiadellarte/articoli/2022/03/Napoli-La-Certosa-di-San-Martino–07ecd461-c7de-439f-b5f4-87403330c571.html

https://it.wikipedia.org/wiki/Certosa_di_San_Martino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...